Annunci Forum Lettere Sondaggi La Redazione Contatti Meteo RSS

Bookmark and Share
IN PRIMO PIANO


Salviamo i Master A
Luigi Borgo
 
vedi le foto dell'evento
Foto

Letto 1367 volte.

ARTICOLO
MAXEL, CAMPIONE DEL MONDO MASTER 20...
 
ARTICOLO
Combinata nordica: ecco le regole
 
ARTICOLO
i 10 comandamenti dei master
FOTO
Stefano Roma in azione con i suoi f...
 
FOTO
Finali Coppa Italia 2011: David Cor...
 
FOTO
La copertina del testo didattico 20...
VIDEO
Nordica 2011/12
 
VIDEO
Old Stars: premiazioni finali della...
 
15/02/2012 Salviamo i Master A
22/11/2011 Lo sci dei quanti
10/10/2011 La Ski Politik
15/02/2011 Presunto colpevole
01/04/2011 Il Grande Stile
24/02/2011 Inner alla gioia
04/04/2011 Liberiamo Lorella
 
Quando i Master più giovani, il cui numero sta diminuendo, affrontano percorsi distrutti al limite della sicurezza. Proposta: ritracciare!

In rifugio, al termine di una gara master in notturna, eravamo quattro amici che si sentivano tutti e quattro nello stesso modo un po’ dei pirla: nemmeno sommando le porte che ciascuno di noi aveva fatto, si poteva dire di aver finito la gara. Chi dopo tre, chi dopo quattro, chi dopo sei porte, eravamo usciti tutti. Nessuno aveva fatto più di dieci curve, eppure tutti avevamo fatto almeno 150 km d’auto e altrettanti ci attendevano per tornare a casa; tutti avevamo perso dalle due alle tre ore di lavoro e almeno un centone di euro tra iscrizione, abbonamento e gasolio. Forse avevamo beccato la gara sbagliata, la neve sbagliata; forse siamo stati dei conigli uscendo dove in altri tempi avremmo tentato di reagire. Ma rischiare di farsi male per una gara master non ha mica tanto senso e infatti ciascuno di noi, nell’intimità della propria discesa, ha liberamente scelto di mandare a quel paese gara e soldi e tempo spesi, pensando che arrivare al traguardo in taboga sarebbe stato decisamente più da pirla; però, in rifugio, questo era l’umore: un po’ pirla comunque ci sentivamo e così, per evitare di esserlo ancora, nessuno dei quattro si è iscritto alla gara successiva. Oggi i master A sono in proporzione meno dei B. Cosa vuol dire «in proporzione?» Che tra 100 B che potrebbero, per capacità tecnica e per stato di salute fisica, fare le gare, la percentuale a loro favore è altissima rispetto a 100 A con gli stessi requisiti, sebbene i primi siano più vecchi dei secondi. E infatti gli A1, quelli che partono con i numeri più alti, quelli più giovani, sono quasi, addirittura, del tutto scomparsi. Ma è chiaro! I B hanno piste perfette e si divertono, gli A, no, perché i B d’oggi sono, sì, più numerosi ma soprattutto più forti di quelli di un tempo e dove quelli spazzolavano, questi segnano e spaccano, lasciando, dopo quasi un centinaio di passaggi, una pista massacrata. Ovvio, spesso dipende dal tipo di neve, ma in genere se in Coppa dopo i 15, il tempo non si riesce più a farlo, nei Master, dopo gli 80 concorrenti, il piacere di scendere su una pista in cui ci si possa esprimere al massimo diventa impossibile. Per salvare la partecipazione degli A basterebbe imporre la ritracciatura. Di tutta la gara, se fosse necessario; di alcune porte, se fosse conveniente. C’è il problema della ricognizione? Beh, in mezz’ora la si fa a seguito del tracciatore, salvando una gara e dando senso a ore e ore di macchina, di lavoro perso, di soldi spesi ma soprattutto, aspetto fondamentale per un master, senza farlo sentire un pirla.

Commenti (0) | Tags: Master | regole | comandamenti | Borgo | Rolanfo | Galli | Ravaschio | Old | star |
 
 
PER LASCIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO.
CERCA
Inserire parole o frasi da ricercare


SFOGLIA I PRODOTTI DIGITALI




TRADUZIONE




-