“Top of the Sport” anche per le scuole sci

Di Marco Di Marco

Accordo siglato tra Istituto Credito Sportivo (Andrea Abodi), Fisi (Flavio Roda) e Colnaz (Luciano Magnani) che consentirà a 400 scuole sci italiane di accedere a condizioni di finanziamento agevolate

Il 2019 segna una nuova tappa nell’intesa fra l’Istituto per il Credito Sportivo e la Federazione Italiana Sport Invernali. A valle della convenzione denominata “Top of the Sport”, siglata lo scorso anno a Roma, nasce ora una nuova intesa che vede la FISI nel ruolo di facilitatore nei confronti delle Scuole di Sci del territorio nazionale e del Col.Naz., il Collegio che le raggruppa.

Mentre con il primo accordo si permetteva agli Sci Club e agli impiantisti di accedere a prodotti finanziari ad hoc, contraddistinti da condizioni di finanziamento particolarmente agevolate, ora è il turno delle Scuole di Sci che, tramite un nuovo protocollo – siglato ieri a Milano fra FISI, Col.Naz. e ICS grazie ai rispettivi Presidenti: Flavio Roda, Luciano Magnani e Andrea Abodi – avranno la possibilità di accedere a ulteriori forme di credito agevolato, previste dallo stesso Credito Sportivo, da utilizzare per rinnovare e potenziare le attività sul territorio.

Si tratta di un passaggio importante che coinvolgerà le 400 Scuole di Sci italiane, in questa fase di crescita del movimento degli sport invernali in Italia. E’ bene ricordare che il nuovo protocollo viene firmato a pochi mesi dai Mondiali di biathlon di Anterselva e a meno di due anni da quelli di sci alpino di Cortina. A giorni, poi, tutta l’Italia conoscerà anche l’esito della votazione per l’assegnazione dei Giochi Olimpici Invernali del 2026, per i quali sono candidate Milano e Cortina. Insomma, per l’Italia della montagna si potrebbe trattare di un intero decennio di grande ritorno mediatico internazionale e quindi di una crescita di tutto l’indotto.

Ringrazio il Presidente Abodi e l’Istituto per il Credito Sportivo perché questo nuovo accordo completa il precedente e allarga la base dei soggetti che potranno ricorrere ai finanziamenti agevolati ad una grande realtà operativa quale è quella delle Scuole di Sci“, commenta il Presidente della FISI, Flavio Roda. “Grazie all’operato del Col.Naz e del Presidente Magnani, ora tutto il mondo degli operatori degli sport invernali possiede una via preferenziale per poter far crescere l’economia della montagna“.

Considero questo Protocollo d’Intesa, per il quale ringrazio i Presidenti Flavio Roda e Luciano Magnani, un significativo obiettivo raggiunto nel segno della piena e qualificata collaborazione, fattore prezioso in un Paese che fatica ad apprezzare il valore e l’utilità di questa modalità di lavoro. Ma ancor più dell’obiettivo raggiunto – commenta il Presidente dell’Istituto per il Credito Sportivo Andrea Abodi – vorrei sottolineare l’importanza dello strumento che ne deriva, che si concretizza in opportunità di finanza agevolata dedicata alle Scuole di Sci italiane. Si arricchisce, quindi, il set delle opportunità studiate con la FISI per accelerare lo sviluppo delle sue discipline sportive e il miglioramento dei meravigliosi impianti a cielo aperto nei quali si praticano, a beneficio della grande comunità di appassionati, italiani e stranieri, che frequentano le piste bianche delle nostre affascinanti località. Grazie all’intesa ratificata oggi con FISI e Col.Naz. Scuole di Sci – conclude il Presidente Abodi – il Credito Sportivo diventa sempre più una vera e propria piattaforma di servizi e soluzioni, in grado di fornire un supporto concreto e tangibile anche ai comprensori sciistici di tutto il nostro Paese”.

Le Scuole di Sci rappresentano spesso il primo contatto dell’utente con la montagna e i Maestri sono i veri ambasciatori degli sport invernali”, dice il Presidente del Col.Naz. Luciano Magnani. “Il lavoro sul territorio è capillare e deve consentire di fornire la miglior immagine possibile a chi spende il proprio denaro per godersi lo sport in un ambiente sano e pulito. Ringrazio la FISI e il Presidente Roda, il Credito Sportivo e il Presidente Abodi per questo nuovo protocollo che permetterà ai tanti professionisti delle Scuole di Sci di investire meglio i propri soldi e, nel contempo, contribuire a rinnovare l’offerta della montagna italiana“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA 06 giugno 2019
Tags
Ultimi articoli