Oltre al noto metodo «sfera» e al «meta», usato nel tennis, ne esiste un altro adottato dalla psicologia sportiva atto ad aiutare l’atleta (ma non solo) a ottenere il massimo delle prestazioni