Attrezzatura

Colmar scopre il grafene

La Francia vince la classifica per nazioni della discesa e a St. Moritz gli atleti si presentano al cancellato di partenza per la prima volta con la tuta in grafene prodotta dall’azienda italiana: una novità assoluta che ha già attirato le attenzioni degli avversari al parterre. Un risultato ottenuto dopo un anno di lavoro a stretto contatto con gli atleti che hanno costantemente testato il prodotto in allenamento dopo che era già stato sperimentato sia in laboratorio che in Galleria del vento. un deciso passo avanti nella tecnologia dei tessuti visto che Colmar è la prima azienda a sperimentare il grafene su un prodotto tessile insieme a Directa Plus, azienda in grado di fornire questo materiale nella conformazione ideale per ciascuno dei molteplici campi applicativi in cui opera. A Ispo 2016 sono stati presentati un modello di giacca a vento (sia da uomo che da donna), due modelli di intimo tecnico, una polo e, appunto una tuta da gara che finalmente adesso scende in campo come anteprima della prossima stagione.

MU4097

La caratteristica più sorprendente di questi capi è la loro capacità di agire da filtro tra il corpo e l’ambiente esterno, assicurando sempre la temperatura ideale a chi li indossa.
Un tessuto intelligente che permette un comfort taylor made. Grazie a Graphene Plus G+, il calore prodotto dal corpo umano viene disperso in presenza di climi caldi e conservato e distribuito uniformemente in climi freddi. Non solo, i tessuti trattati con Grafene G+ sono anche elettrostatici, batteriostatici, oltre che in grado di ridurre l’attrito di aria e acqua, per performance sportive al top. Uno smart textile con un grande potenziale perché permette ancora una volta a Colmar di fare da spartiacque nel mondo dell’articolo sportivo, ritracciandone il percorso e riformulandone la direzione.

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment