Gare

A Inner e Gritsch la 24esima SüdTirol Gardenissima

A Inner e Gritsch la 24esima SüdTirol Gardenissima
Val Gardena, 3 aprile 2022: La 24a edizione della Südtirol Gardenissima si è conclusa con successo. 650 sciatori, in rappresentanza di 11 nazioni, hanno gareggiato sul lungo e impegnativo tracciato del Seceda.

A causa delle forti nevicate degli ultimi giorni, la gara è stata rinviata da sabato 2 a domenica 3 aprile 2022, visto che le previsioni metereologiche preannunciavano bel tempo.

È stata una grande sfida per il direttore di gara Giovanni Kasslatter e il suo team che sono riusciti a preparare al meglio i 6 chilometri della pista che porta dalla cima del Seceda (2.518 m) fino all’arrivo al Col Raiser (1.485 m), garantendo ai partecipanti le migliori condizioni in piena sicurezza.

Con un meraviglioso panorama invernale con sole e basse temperature (-14°C), la gara di gigante è iniziata alle 8.30.

A causa della neve fresca il percorso è stato un po’ più lento e per questo motivo i migliori sciatori ci hanno messo circa 30 secondi in più rispetto alle edizioni passate con posta ghiacciata.

La gara maschile è stata vinta da Christof Innerhofer con il miglior tempo assoluto di 4’07.14, davanti agli austriaci Otmar Striedinger (4’07.72) e Daniel Hemetsberger con 4’08.83.

Nella categoria femminile, l’austriaca Franziska Gritsch ha vinto con un eccellente tempo di 4’14.04, seguita da Christina Ager (4’15.49) e Nicol Delago 4’16.90.

Nella categoria Ski Legends maschile, il primo posto è stato raggiunto da Massimo Penasa, con un ottimo tempo di 4’17.18, seguito da Peter Runggaldier e Lukas Perathoner.

Andrea Fischbacher ha vinto la categoria femminile, davanti a Verena Stuffer e Nina Himmi.

In seguito, nel pomeriggio, si è svolta la Südtirol Gardenissima Kids, la gara dei campioni di sci del domani.

Molti sci club hanno portato in Val Gardena i loro giovani atleti provenienti da otto nazioni diverse, per partecipare all’impegnativo slalom gigante con un dislivello di 463 metri.

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment