Gare

Aksel Lund Svindal saluta la Coppa

Quel volo pazzesco che abbiamo visto fare ad Aksel Lund Svindal ha avuto conseguenze molto più gravi di quanto il campione norvegese, tirandosi su,  ci aveva fatto capire. Accertamenti all’ospedale di Innsbruck hanno rivelato la rottura del crociato anteriore del ginocchio destro. Questo significa operazione immediata e un lunghissimo periodo di stop. E’ addirittura incerto il suo recupero per la prossima stagione. E così la Coppa numero 50 perde un altro protagonista, l’unico in grado di lottare con l’austriaco Marcel Hirscher che a questo punto può anche sciare su una gamba sola per portarsi a casa la sua quinta Coppa consecutiva. Davvero un anno maledetto questo che ha perduto fin troppi protagonisti.

L'austriaco Streitberger, dolorante nelle reti dell'Hausberkante
L’austriaco Streitberger, dolorante nelle reti dell’Hausberkante
Caduta_reichelt_insaccata
Il momento dell’insaccata di Hannes Reichelt

Non se l’è cavata molto meglio l’austriaco Georg Streitberger che ha patito una lesione al manisco laterale del ginocchio destro, mentre Hannes Reichelt ha subito una contusione ossea al ginocchio e si dovrà attendere ancora qualche ora per

Hanner reichelt al momento dell'impatto col terreno. L'air Bag ha evitato che la testa colpisse violentemente il terreno
Hanner reichelt al momento dell’impatto col terreno. L’air Bag ha evitato che la testa colpisse violentemente il terreno

capire la gravità dell’infortunio e del suo recupero. Tutti e tre gli atleti sono usciti all’altezza dell’Hausberkante e in maniera del tutto analoga: la scarsa visibilità ha nascosto un avvallamento e gli atleti hanno subito un’insaccata per poi esplodere in aria come proiettili. Reichelt e Streitberger erano protetti dall’Airbag che si è aperto ancor prima dell’impatto col terreno. Per Hannes sarebbe stato molto pericoloso non indossarlo, perché la dinamica dell’incidente mostra chiaramente come la testa avrebbe sbattuto violentemente per il contraccolpo. Lo spessore del D-Air Dainese ha evitato che ciò accadesse.

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment