Gare

Benjamin Raich, ginocchio ko. Stagione finita

Team Event fatale per Benni Raich: dopo una carriera incredibile, fatta di tante vittorie e zero infortuni, ieri nella prima manche del Team Event si è distrutto un ginocchio. Lesione parziale del legamento crociato, frattura del menisco e lesione alle cartilagini del piatto tibiale della gamba sinistra: questa la severa diagnosi stilata all’Ospedale di Innsbruck dove Benni è già stato operato nel pomeriggio. “E’ grave, ma c’è di peggio, se penso ad Hans Grugger dico che sto benissimo, che non mi sono fatto nulla” il commento a caldo dell’austriaco che si è infortunato durante la sua prova in parallelo contro il croato Natko Zrncici-Dim. A causa di un arretramento, Raich ha fatto una forte leva sulla gamba sinistra e in quel momento ha sentito un crac, mollando quindi la linea e lasciandosi andare. E’ sceso al traguardo con gli sci ma subito è scappato verso l’ospedale, prima Garmisch e poi, accertata la gravità dell’infortunio, Innsbruck.

A chi gli ha chiesto se tornando indietro avrebbe rifatto la gara a squadre Benni ha risposto così: “Mi poteva benissimo succedere anche in allenamento. Spiace perché avevo ancora due gare con buone speranze per il podio, ma è andata così”.
Benni è entrato in sala operatoria alle 17.00 e l’operazione è andata molto bene senza complicazioni. Quanto tempo di stop? Solitamente, per questo genere di infortuni devono passare almeno sei mesi. Speriamo meno!

Proprio una manche di allenamento in gigante è stata fatale a Didier Cuche, ieri in pista nella vicina Oberjoch in vista della gara di venerdì: lo svizzero si è fratturato il pollice della mano sinistra. Già ingessato per poter correre la gara mondiale, Didier prevede di farsi operare settimana prossima per la riduzione della frattura.

 

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment