Gare

Biathlon: il vento frena Wierer

Un grande freddo, ma soprattutto raffiche di vento impressionanti hanno reso difficile la disputa della Pursuit che ha preso il via oggi a Oberhof. Complicato per le atlete prendere la mira giusta. Nel continuo rimescolamento delle carte, è emersa Marie Dorin Habert, che con il tempo di 34’33″3, e due errori al tiro nel primo e nell’ultimo poligono ha conquistato la vittoria, seguita da Gabriela Koukalova, con tre errori e 38″8 di ritardo, mentre sul terzo gradino è salita Kaisa Makarainen, con quattro errori e 1’19″1 di svantaggio.
Ancora una gara di livello per Dorothea Wierer che ha chiuso all’ottavo posto, con 4 errori al tiro e 2’34″4 di ritardo dalla leader. Wierer ha tenuto le primissime fino al secondo poligono, quando un errore di troppo le ha fatto perdere il contatto. ma l’azzurra non ha mai mollato fino a chiudere ancora in top ten e confermare la crescita di condizione. Ottimo 11/o posto per Federica Sanfilippo, tre errori e 2’50″9 di ritardo. Sanfilippo è stata ad un passo dal rientrare fra le prime sei del ranking, poi un ultimo poligono un po’ troppo falloso l’ha fatta indietreggiare. È invece 46/a Alexia Runggaldier, la terza italiana al via.
Domani, il programma si chiude con la mass start.

Ordine d’arrivo 10 km pursuit femminile CdM Oberhof (Ger):
1 DORIN HABERT Marie FRA 1 0 0 1 2 34:33.3
2 KOUKALOVA Gabriela CZE 0 0 1 2 3 +38.8
3 MAKARAINEN Kaisa FIN 1 0 1 2 4 +1:19.1
4 HAMMERSCHMIDT Maren GER 0 1 1 3 5 +2:05.9
5 BESCOND Anais FRA 0 0 1 1 2 +2:13.3
6 HINZ Vanessa GER 1 0 1 0 2 +2:23.4
7 OLSBU Marte NOR 1 0 0 1 2 +2:32.4
8 WIERER Dorothea ITA 0 1 2 1 4 +2:34.4
9 CHEVALIER Anais FRA 0 1 0 3 4 +2:38.2
10 VISHNEVSKAYA Galina KAZ 1 1 0 1 3 +2:44.9
11 SANFILIPPO Federica ITA 0 0 1 2 3 +2:50.9
12 HILDEBRAND Franziska GER 0 0 3 1 4 +3:00.8
13 HAECKI Lena SUI 1 0 1 3 5 +3:11.6
14 SLOOF Chardine SWE 2 0 2 1 5 +3:19.8
15 DZHIMA Yuliia UKR 0 0 2 3 5 +3:19.9

46 RUNGGALDIER Alexia ITA 2 2 2 2 8 +7:03.9

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment