Gare

Biathlon: Italia record per 3/4

Abbiamo sfiorato il colpaccio anche con la staffetta maschile. E’ mancato soltanto l’ultimissimo acuto, quando è rinvenuta la Germania che fino alla terza frazione navigava in cattivissime acque, trascinandosi dietro poi Austria e Russia. Ha vinto la Svezia, che ha condotto la gara dal terzo cambio, quando Stenersen se n’è andato via assieme a Windisch con la Norvegia di Terjei Boe, falloso al tiro, a inseguire. Thierry Chenal, ultimo nostro frazionista, ha dato il massimo commetendo un errore da terra e uno in piedi, mentre il tedesco Doll con due netti lo ha superato irrimediabilmente. La Svezia di Samuelsson ha tenuto la testa inseguita dalla Norvegia di Kristiansen che non è riuscito mai a prenderlo pur soffiandogli sul collo. Doll era troppo staccato per infilarsi nella lotta ma ha dovuto soltanto controllare chi gli stava dietro, ovvero l’Austria e la Russia. Rimane la soddisfazione di aver condotto la gara per due terzi con Bormolini, Hofer e Windisch in grande forma. Abbiamo perduto con Chenal ma il biathlon è così, niente “colpe” sparate a caso. Attualmente questo è il valore che possiamo offrire, ma è anche vero che partendo da questo risultato non possiamo che migliorare