Gare

Biathlon: Wierer trionfo a Hochfilzen

Dorothea Wierer ha battuto… l’imbattibile finlandese Kaisa Mäkäräinen portando la vittoria in una formula di gara che l’Italia non vinceva da quasi 19 anni (Nathalie Santer), la 7,5km Sprint. Sei i decimi di vantaggio dati alla rivale al termine di una prova dove ha rischiato al limite dell’umano al tiro.
Kaisa Mäkäräinen (80 podi in carriera) che all’ultimo rilevamento era in leggero vantaggio e che di solito sugli sci va più forte. Ma il graffio della tigre dell’azzurra ha di nuovo ribaltato la classifica: prima Dorothea, seconda Kaisa. Come nella classifica generale di Coppa del mondo, dove l’altoatesina è sempre più leader con 204 punti contro i 185 della rivale.

È il quinto trionfo in carriera della Wierer, il primo in assoluto in una gara sprint, il primo di questa stagione dopo due secondi posti (e il terzo nella staffetta mista). I suoi poligoni sono uno spettacolo, anche quando sbaglia. Le è successo nel secondo, dove ha voluto rischiare con rilasci rapidissimi che l’hanno portata a fallire l’ultimo colpo. Ma sapeva che prima di lei aveva sbagliato anche la Mäkäräinen e aveva ancora un bel vantaggio, così l’errore si è rivelato ininfluente.

In una giornata straordinaria per l’Italia, per Lisa Vittozzi arriva la seconda beffa consecutiva: anche lei sbaglia, al primo poligono, ma resta in gara fino alla fine e negli ultimi 2,5 km sugli sci dà il tutto per tutto, scavalcando la polacca Hojnisz e arrivando a soli 9 decimi dalla russa Yurlova. Come nell’inseguimento di Pokljuka, chiude quarta, stremata, ed è quarta anche nella generale con 164 punti, appena uno in meno di Paulina Fialkova. Ottima prestazione, infine, per Federica Sanfilippo (19esima con lo zero al primo poligono e due errori al secondo), più lontane Alexia Runggaldier e Nicole Gontier.

Ordine d’arrivo Sprint femminile Cdm Hochfilzen (Aut)
1. WIERER Dorothea ITA 21:04.09 (0-1)
2. MAKARAINEN Kaisa FIN +0.6 (0-1)
3. YURLOVA Ekaterina RUS +24.4 (0-0)
4. VITTOZZI Lisa ITA +25.3 (1-0)
5. HOJINSZ Monika POL +28.2 (0-0)
6. KRYUKO Irina BLR +38.5 (0-0)
7. FIALKOVA Paulina SVK +43.8 (1-0)
8. CHEVALIER Anais FRA +45.4 (0-1)
9. STARYKH Irina RUS +47.5 (0-0)
10. KUZMINA Anastasija SVK (2-0)

 

About the author

Marco Di Marco

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment