Gare

C.A. Wengen: prenotazione elvetica

Fa bene l’aria di casa agli atleti elvetici che mettono una grossa ipoteca sulla vittoria di questa insolita combiata alpina, partita con la prova di slalom anzichè con la discesa. La nevicata in atto ha consigliato la Fis a procedere così per consentire agli addetti pista di pulire la pista di discesa che partirà sotto la Minschkante

Ebbene, lo svizzero Justin Murisier, slalomista puro, ha fatto segnare il miglior tempo con 17/100 sullo sloveno Stefan Hadalin, incredibilmente secondo (20esimo in SL ad Adelboden), mentre a 2 decimi c’è il francese Victor Muffat-Jeandet e a 57/100 Alexis Pinturault. Il campione francese non ha tirato al massimo probabilmente per non correre eccessivi rischi dal momento che Marcel Hirscher aveva deciso di disertare la gara per non disperdere troppe energie. Ma Pintu avrà vita difficile perché Carlo Janka ha trovato una splendida giornata tra i rapid gates considerando che ha coperto il difficile tracciato, tra l’altro sotto una fitta nevicata, al settimo posto con un ritardo di 1″51 da Murisier. E’ messo altrettanto bene il discesista Mauro Caviezel appena 14/100 dietro al compagno di squadra. I due velocisti rossocraciati se la dovranno vedere, oltre che con Pintu, anche con Aleksander Kilde, bravo tra le maglie strette di questa prima prova disegnata dal nostro Max Carca, a tagliare il traguardo in decima posizione, a pari merito con Filip Zubcic, a 1″84 da Murisier, quindi a 3 decimi da Janka e a 1″3 da Pintu. Sarà proprio una bella sfida.
Non ci sono buone notizie invece in casa Italia. Il migliore dei nostri si è rivelato Mattia Casse, 22esimo a +3″51, 6 centesimi meglio di Paolo Pangrazzi. Ritardi dunque incolmabili così come scenderà in discesa senza alcuna chance  Dominik Paris (è uscito dai top 30) che ha tagliato il traguardo con un gap di 3″84 da Murisier. Peter Fill invece stava portando a casa un risultato incredibile. Fino a 10 porte dal tragaurdo si aggirava attorno al

L'errore di Peter Fill
L’errore di Peter Fill

terzo posto essendo transitato al terzo intermedio proprio con 5 decimi dall’elvetico. poi il peso leggermente arretrato in una tripla lo ha mandato spatole all’aria. Davvero un gran peccato. Riccardo Tonetti invece ha scelto di uscire dal cancelletto come un pazzo e la sua gara è durata una quindicina di porte. Fuori anche Emanuele Buzzi
Tra i pretendenti a un posto sul podio anche lo slovacco Adam Zampa e il ceco Krystof Kryzl.
Ha disegnato la sua ultimissiam prova di slalom il croato Ivica Kostelic che ha deciso di ritirarsi dalle competizioni proprio al termine di questa gara. Gli manca ancora la discesa più la Coppa del Mondo gli dedicherà una meravigliosa carriera. Segnaliamo anche la presenza in classifica dello sloveno Martin Cater che ha chiuso tra Janka e Caviezel. E’ uno specialista delle combinate e si trova meglio in superG, quindi potrebbe anche lui dire la sua.

Quaranta atleti hanno tagliato il trahuado, 20 sono usciti

Classifica prova di slalom

RANK BIB NAME NAT TIME DIFF
1 3 MURISIER Justin

SUI

49.06
2 31 HADALIN Stefan

SLO

49.23 +0.17
3 6 MUFFAT-JEANDET Victor

FRA

49.26 +0.20
4 1 PINTURAULT Alexis

FRA

49.63 +0.57
5 13 ZAMPA Adam

SVK

49.97 +0.91
6 19 KRYZL Krystof

CZE

50.14 +1.08
7 10 JANKA Carlo

SUI

50.57 +1.51
8 56 RODES Istok

CRO

50.61 +1.55
9 25 CATER Martin

SLO

50.68 +1.62
10 11 CAVIEZEL Mauro

SUI

50.71 +1.65
11 26 ZUBCIC Filip

CRO

50.90 +1.84
11 2 KILDE Aleksander Aamodt

NOR

50.90 +1.84
13 5 KRIECHMAYR Vincent

AUT

51.31 +2.25
14 22 KOSTELIC Ivica

CRO

51.39 +2.33
15 20 GIEZENDANNER Blaise

FRA

51.53 +2.47
16 9 GIRAUD MOINE Valentin

FRA

51.56 +2.50
17 15 BAUMANN Romed

AUT

51.57 +2.51
18 18 BENNETT Bryce

USA

51.60 +2.54
19 7 JANSRUD Kjetil

NOR

51.98 +2.92
20 12 KOSI Klemen

SLO

52.03 +2.97
21 41 DEBELAK Tilen

SLO

52.18 +3.12
22 39 BERTHOLD Frederic

AUT

52.28 +3.22
23 51 HINTERMANN Niels

SUI

52.29 +3.23
24 59 ZAMPA Andreas

SVK

52.34 +3.28
25 40 CASSE Mattia

ITA

52.57 +3.51
26 35 PANGRAZZI Paolo

ITA

52.63 +3.57
27 33 BERNDT Ondrej

CZE

52.67 +3.61
28 32 MUZATON Maxence

FRA

52.69 +3.63
28 24 MANI Nils

SUI

52.69 +3.63
30 57 ROMAR Andreas

FIN

52.79 +3.73
31 4 PARIS Dominik

ITA

52.90 +3.84
32 52 FOREJTEK Filip

CZE

52.97 +3.91
33 48 BARANDUN Gian Luca

SUI

53.19 +4.13
34 30 WEBER Ralph

SUI

53.39 +4.33
35 50 SUGAI Ryo

JPN

53.86 +4.80
36 54 ULLRICH Max

CRO

53.92 +4.86
37 44 VON APPEN Henrik

CHI

54.47 +5.41
38 49 WERRY Tyler

CAN

55.35 +6.29
39 38 VUKICEVIC Marko

SRB

55.63 +6.57
40 28 SANDER Andreas

GER

1:07.01 +17.95
60 MONSEN Felix

SWE

DNS
58 REICHELT Hannes

AUT

DNF
55 NYMAN Steven

USA

DNF
53 ZABYSTRAN Jan

CZE

DNF
47 BYDLINSKI Maciej

POL

DNF
46 BUZZI Emanuele

ITA

DNF
45 KOELL Alexander

SWE

DNF
43 THOMPSON Broderick

CAN

DNF
42 FERSTL Josef

GER

DNF
37 WALDER Christian

AUT

DNF
36 KLINE Bostjan

SLO

DNF
34 HROBAT Miha

SLO

DNF
29 FRANZ Max

AUT

DNF
27 DRESSEN Thomas

GER

DNF
23 GOLDBERG Jared

USA

DNF
21 COCHRAN-SIEGLE Ryan

USA

DNF
17 TONETTI Riccardo

ITA

DNF
16 FILL Peter

ITA

DNF
14 MAYER Matthias

AUT

DNF
8 THEAUX Adrien

FRA

DNF

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment