Gare

Campionati Sciistici delle Truppe Alpine

E’ stato il Comandante delle Truppe Alpine, Generale Federico Bonato, a presentare questa mattina le tante novità che caratterizzeranno l’edizione 2017 dell’importante manifestazione internazionale che si svolgerà in Alta Val Pusteria dal 13 al 19 marzo.
Tra queste, già nel giorno di apertura dei Campionati, una partita di Para Ice Hockey che vedrà affrontarsi al Palaghiaccio di Dobbiaco le Nazionali italiana e slovacca in un match il cui ricavato sarà interamente devoluto in beneficienza e l’emissione di uno speciale annullo filatelico, disponibile con cartolina dedicata presso la Sala Resch di San Candido dalle ore 14 alle 19.
Nel programma non mancano inoltre – oltre ai numerosi eventi sportivi validi per l’assegnazione degli ambiti Trofei in palio e dei titoli di Campione Italiano dell’Esercito nelle varie discipline – tanti appuntamenti di intrattenimento aperti al pubblico, come il concerto della Fanfara Alpina, la fiaccolata notturna e le esibizioni artistiche dei danzatori su ghiaccio Anna Cappellini con Luca Lanotte e Charlene Guignard con Marco Fabbri (al Palaghiaccio di Dobbiaco, martedì 14 marzo dalle ore 18.00).
Testimonial dell’evento due campioni altoatesini del Centro Sportivo Esercito – Karin Oberhofer, vincitrice di una medaglia nel biathlon alle Olimpiadi invernali di Sochi e Stefan Zelger, talento emergente dello sci di fondo. Accanto a loro la Squadra Soccorso Alpino Militare del Reparto Comando e Supporti Tattici “Tridentina”, Alpini impegnati lo scorso gennaio in Centro Italia per portare soccorso alla popolazione colpita dall’emergenza neve. Presentandoli al pubblico in sala, il Comandante delle Truppe Alpine ha sottolineato come “lo scopo dei Campionati sia proprio quello di valutare l’addestramento del personale nel saper muovere, operare e vivere in montagna anche in condizioni estreme, come da loro recentemente dimostrato in Abruzzo e nelle Marche”.

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment