Gare

Combi Crans: Brignone 2a dopo il superG

Non era iniziata proprio benissimo questa combinata, con un precedente davvero singolare. Il posizionamento troppo pericoloso della quarta porta del superG ha infatti portato a cadere tutte e tre le prime atlete partite, Ilka Stuhec, Tessa Worley e Denise Feierabend, quest’ultima ha riportato qualche problema fisico ed è trasportata a valle con il toboga. Dopo lo stop alla corsa, la giuria ha deciso di abbassare la partenza e far ripartire la gara dal numero 1. Il nuovo start era così fissato per le 11.30. Ilka dunque è tornata su e senza patire nulla, ha fatto segnare il miglior tempo, dimostrandosi ancora la più eclettica nella velocità. Al secondo posto una Federica Brignone davvero sorprendente per come ha sciato. Non è certo la prima volta che in superG porta a termine ottime gare e dopo le fatiche Mondiali, vissute quasi per intero con l’influenza, si è presentata al cancelletto con la voglia di rifarsi. Poco più di mezzo secondo il distacco dalla velocista slovena, ma a 17/100 la medaglia di bronzo della combinata di St. Moritz, Michaela Kirchgasser, che ha sfruttato la ghiotta occasione di una gara veloce accorciata. Poi, tra le atlete più pericolose, la canadese Michelle Gagnon, staccata di 1″14 dalla Stuhec e 62/100 da Brignone. Fuoti gioco Sofia Goggia, Michelle Gisin, tessa Worley e Christine Scheyer, mentre non hanno preso il via Mikaela Shiffrin e Lindsey Vonn.
Tra le altre Azzurre, Elena Curtoni si trova in ottava posizione a +1″27, Johanna Schnarf dodicesima a  + 1″66, Francesca Marsaglia quindicesima a +2″22 e Federica Sosio 18esima a +2″63.

Alle 14.30 la prova di slalom.

 

Ranking

RANK BIB NAME NAT TIME DIFF
1 1 STUHEC Ilka

SLO

1:10.50
2 13 BRIGNONE Federica

ITA

1:11.02 +0.52
3 9 KIRCHGASSER Michaela

AUT

1:11.19 +0.69
4 15 GAGNON Marie-Michele

CAN

1:11.64 +1.14
5 24 NUFER Priska

SUI

1:11.65 +1.15
6 19 FERK Marusa

SLO

1:11.71 +1.21
7 32 REBENSBURG Viktoria

GER

1:11.73 +1.23
8 22 CURTONI Elena

ITA

1:11.77 +1.27
9 20 MOWINCKEL Ragnhild

NOR

1:11.89 +1.39
10 34 KAPPAURER Elisabeth

AUT

1:12.00 +1.50
11 8 HAASER Ricarda

AUT

1:12.04 +1.54
12 16 SCHNARF Johanna

ITA

1:12.16 +1.66
13 23 SIEBENHOFER Ramona

AUT

1:12.34 +1.84
14 25 BRUNNER Stephanie

AUT

1:12.64 +2.14
15 29 MARSAGLIA Francesca

ITA

1:12.72 +2.22
16 7 HOLDENER Wendy

SUI

1:12.95 +2.45
17 28 MIRADOLI Romane

FRA

1:13.00 +2.50
18 35 SOSIO Federica

ITA

1:13.13 +2.63
19 27 TVIBERG Maria Therese

NOR

1:13.29 +2.79
20 31 WEIRATHER Tina

LIE

1:13.49 +2.99
21 21 KOPP Rahel

SUI

1:13.70 +3.20
22 33 SCHMOTZ Marlene

GER

1:14.21 +3.71
23 26 CRAWFORD Candace

CAN

1:14.40 +3.90
24 11 BARTHET Anne-Sophie

FRA

1:14.72 +4.22
36 DUERR Lena

GER

Started
17 VONN Lindsey

USA

DNS
10 SHIFFRIN Mikaela

USA

DNS
4 ROSS Laurenne

USA

DNS
3 FEIERABEND Denise

SUI

DNS
30 GRENIER Valerie

CAN

DNF
18 SCHEYER Christine

AUT

DNF
14 SCHNEEBERGER Rosina

AUT

DNF
12 KLING Kajsa

SWE

DNF
6 GOGGIA Sofia

ITA

DNF
5 GISIN Michelle

SUI

DNF
2 WORLEY Tessa

FRA

DNF

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment