Gare

Coppa Italia Master a Campo Felice

Dopo l’ottima edizione dello scorso anno, Aliski Racing Team ripete l’appuntamento a Campofelice, due giganti e due superg. È mancato il sole della passata edizione ma non sono mancati i premi e la competizione.  Una menzione speciale ad Andrea e Luca Lallini, titolari della stazione di Campofelice, che, oltre aver fatto preparare ottimamente la pista di gara, hanno disposto una notevole riduzione sul costo dello skipass ai concorrenti e patrocinato un gigante ed un superg. Gli altri sponsor sono stati: Sportincontro e Franceschi sport. Nonostante il limitato numero di iscritti al superg, di lunedì e con meteo sfavorevole, lo sci club ha applicato lo stesso costo dell’iscrizione del gigante. Due ottimi buffet hanno concluso le due gare, con del buon vino, altre bevande e tante cose buone da mangiare.

Martina Checcarelli e Luca Novi

Molte le attenzioni che il Delegato Tecnico Giuseppe Boezi, ha prestato affinché tutto fosse fatto per il meglio, anche perché il meteo non gli ha reso le cose facili, ma il suo operato è stato assolutamente positivo. I cronometristi aquilani, capeggiati da Franco Centi, hanno fornito un ottimo servizio con pronte classifiche a fine gara. Sempre presente il direttore di gara Maurizio Paris e sempre attento che tutto fosse in regola. Particolarmente apprezzato è stato il tracciato del superg, disposto da Giuliano Franceschi, anche allenatore del club. Arrivando ai risultati assoluti, due dominatrici nelle due giornate, sabato gigante sempre prima Martina Checcarelli, toscana del Prato Play; sempre seconda Virginia Garaffa, club Avvocati romani ed al terzo, in gara 1: Elena Mazzocchia ed in gara 2: Bettina Chiti, toscana del Mazzocco.

Paolo Baroni e Claudio Maltinti

La giornata di lunedì, dedicata al superg, ha visto sempre Doranna Melegari al vertice della classifica assoluta, con Marina Capretta e Alessandra Andreini a seguire. Nel settore maschile gli assoluti del sabato sono stati il “solito” Luca Novi, dell’Abeti club seguito dal cortinese Emanuele Reale e dal romano Acquarone Andrea dell’Aliski Racing. Nei superg della domenica ed in entrambe le gare tre nomi hanno dato vita ad un acceso confronto al vertice assoluto della competizione, sono stati, in gara 1: Renzo Del Tredici, Prato Play, seguito da due atleti dello sci club 18 di Cortina, Lorenzo Belloni e Carlo D’Amelio., L’accesa competizione fra i due cortinesi li ha portati al vertice assoluto in gara 2, primo: Lorenzo Belloni, secondo: Carlo D’Amelio e, terzo: Renzo Del Tredici. Per quanto riguarda i migliori dei singoli Gruppi, nel C: ha sempre dominato Paolo Baroni che con queste gare si porta al vertice della Coppa Italia, al secondo posto, di gara 1, il bravo: Lamberto Chiani e poi un, forse, prudente: Massimo Panzani che in gara 2 rimonta e sale al secondo posto, sale anche una news entry del superg: Valerio Romano che da quinto nella prima prova sale sul podio di gruppo conquistando un bel terzo assoluto e secondo di categoria. Nel Gruppo B ha sempre vinto Renzo del Tredici del Prato Play, seguito, in gara 1, da: Paolo Angelini Paroli, dello sci club Spoleto e da: Jacopo Koch, sci club Zero sei; in gara 2 rimontano: Clemente Reale, sci club 18 e Michele Tomasi del Pontedilegno, anche a lui un meritato “bravo” per questa tre giorni. Chiudo con il gruppo dei più giovani dove i già nominati, perché primi nell’assoluta, Lorenzo Belloni e Carlo D’Amelio, hanno ripetuto il risultato nelle due gare, con al terzo Alessandro Quadri, romano dell’Aliski Racing.

Lorenzo Belloni

Con queste sei gare la Coppa ha raggiunto quota 24 gare, molti atleti hanno raggiunto la fatidica quota 900, ora aspettiamo i Campionati Italiani che lo sci club Ora si appresta ad organizzare con grande impegno, appuntamento a tutti al Cermis, si inizia venerdì 23 febbraio con il superg. Per quanto riguarda la classifica di Società sempre più al vertice lo sci club 18 di Cortina, seguito dal Prato Play e dallo sci club Marzocco

Tags

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment