Gare

Coppa Italia Master: Abetone, terzo giorno

Il vento e la neve ci hanno provato ma il LUGO non l’hanno fermato. Dopo due splendide giornate di sole il meteo ha deciso, senza riuscirci, di infastidire le nostre gare, solo qualche defezione nella seconda gara. Oggi si correva per il: Trofeo Cevico e Natura Nuova, due classici sponsor del Lugo Di Romagna che con il loro premi arricchiscono le premiazioni, questa volta “al coperto”.

Martina Checcarelli, Prato Play, sempre “L’assoluto femminile” di pista

In campo femminile dominio assoluto per: Martina Checcarelli, Prato Play, complice un fastidioso mal di schiena della sua solita rivale Chiara Pedroni, ha vinto entrambe le gare con ampi distacchi. Marina Capretta, sci club 18, ha concluso la prima con il secondo tempo e: Giuliana Ballabio, sci club Albavilla, con il terzo. Nella seconda dopo Martina si piazza: Lucia Ancilotti, Team Top Ski, precedentemente quinta, al terzo, risale la brava: Chiara Pedroni, Sci club Sestola. Lotta dura nel Gruppo C, concorrenti agguerriti, in lotta sul filo dei centesimi, sempre determinati a conquistare il primato di gruppo. In gara 1, primo: Enrico Rossi, San Domenico e nella seconda: Paolo Baroni, Prato Play, posizioni invertite per entrambi. Terzo tempo per: Massimo Panzani, Prato Play, in gara 1 e: Franco Maggiorelli, SC Siena, nella seconda. Altri due toscani nei cinque in gara 1, sono: Massimo Bencini, Ski Team Firenze e: Claudio Maltinti, Team Top Ski. Veneto ed Emilia in gara 2: Paolo Cappellato, SAI Vicenza e Giordano Folegnani, Lupi Civago. Nel Gruppo B, continua il dominio del friulano: Franco Pittino, Cimenti sci, primo in entrambe le gare con in più la soddisfazione dell’assoluto di pista in gara 1.

Franco Pittino, Cimenti Sci, assoluto in gara 1

Secondo tempo in entrambe per: Rolando Galli, Prato Play, non ce la fa contro Franco ma supera tutti gli altri. Altri due atleti di casa al terzo, prima: Mauro Lapucci, SC Marzocco Firenze e poi: Renzo Del Tredici, Prato Play. Ricomparso e sistemato subito “In cima”: Marco Guerci, Radici Group, quarto e settimo; lo attendiamo alle prossime gare. Meritevole di citazione anche: Daniele Corcos, SC Marzocco Firenze, prima sesto e poi quarto, un “Bravo” anche a lui.

Gian Mauro Piantoni, Orezzo Valseriana, assoluto in gara 2

Gian Mauro Piantoni, Orezzo Valseriana, domina il Gruppo A, realizzando anche l’assoluto di pista, in gara 2. Fisso al secondo posto il bravo atleta abruzzese, con chiare e giustificate ambizioni di COPPA: Andrea Acquaroni, sci club EUR. Nelle due gare si sono alternati fra il quarto ed il quinto: Giacomo Colzi, Team Top Ski ed: Emanuele Chiani, Prato Play, con sempre ottimi tempi, bravi ad entrambi. Se papà Clemente deve accontentarsi di un podio: Pierandrea Reale, sci club 18, fa due primi nel gruppo giovani e senior; con: Lorenzo Cantini, Team Top Ski, prima al secondo e poi al terzo. Terzo tempo per il compagno di club: Federico Fabbrini. Non aveva concluso la prima: Elia Billeri, Team Top Ski, ma, nella seconda fa un brillante secondo tempo, molto vicino a Pierandrea. Doverosi ringraziamenti per le belle foto in gara opera di Lorenzo, titolare di Carpe Diem, Abetone e, naturalmente ai Cronometristi di Pistoia, nelle persone di Enrica e Marco, tempi in diretta e classifiche immediate, un gran bel “servizio”.

Tags

About the author

Marco Di Marco

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment