Gare

Cresce la forma di De Fabiani, è sesto nella 15 km di Lenzerheide

Cresce la forma di De Fabiani, è sesto nella 15 km di Lenzerheide
Sotto una fitta nevicata nello stadio del fondo di Lenzerheide, Francesco De Fabiani porta a casa un ottimo sesto posto nella 15 Km a tecnica classica.

Quinta tappa del Tour de Ski, questo risultato rappresenta per il 28enne di Gressoney in forze al gruppo Sportivo Esercito, un segnale importante. La forma sta crescendo nel momento più importante e la sensazione è che ne abbia ancora.

Ha dato il meglio di sé negli ultimi 5 chilometri con una progressione che testimonia la forza di questo atleta in una delle specialità più tecniche e tattiche del “nuovo” fondo. Nella parte centrale ha sfruttato bene il treno del norvegese Erik Valnes. Si è attaccato alle sue code e non lo ha più mollato fino all’ultimo terzo di gara quando ha deciso di sprintare lasciando tutti di sasso!

Ha assaporato l’impellicciata poltrona del leader fino all’arrivo del russo Ivan Yakimushkin, sette secondi più veloce di lui. Poi è arrivato il finlandese Livo Niskanen che ha preso la testa della gara fin dai primi metri e non l’ha più mollata.

Sua la vittoria, come accaduto nelle due 15 Km di Oslo (una in libero) e in quella di Ruka. Alle sue spalle, manco a dirlo, il fortissimo russo Alexander Bloshunov che ha sempre inseguito il finlandese senza mai riuscire ad avvicinarlo. È di 19″3 il suo ritardo, sei in meno del norvegese Paal Goldberg, uscito fuori alla distanza. Fuori dal podio Johannes Klaebo che proprio negli ultimi metri è riuscito a precedere Yakimushkin al quinto posto per 3 soli centesimi.

È da sottolineare anche l’ottima prova di Federico Pellegrino, 13esimo, la sua migliore prestazione di sempre su questa distanza e con questo format. Il 31enne valdostano delle Fiamme oro ha concluso con un gap di 1″25.

Chiude nei trenta anche Giandomenico Salvadori, 24esimo, anche lui autore di un ottimo recupero negli ultimi 5 km, considerando che ai 10 Km si trovava al trentesimo posto. Obiettivo sfiorato da Maicol Rastelli, 32esimo. In gara anche Paolo Ventura, 50° e il giovanissimo Davide Graz (21 anni) 68° a +3″34.

Più indietro Martin Coradazzi e Alessandro Chiocchetti. Cresce forma De Fabiani

LA CLASSIFICA

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.