Gare

De Aliprandini: “Qui tutto è bellissimo. Punto solo al podio”

Le dichiarazioni di Luca De Aliprandini alla vigilia del gigante di Adelboden, appuntamento dove: “Qui tutto è bellissimo. Punto solo al podio”. Il meteo domani sarà bellissimo così come la pista, dunque ci sono tutte le carte in regola per fare bene. Mi sento non male in questo periodo.

Mi dispiace molto per com’è andata in Alta Badia (in azione, nella foto qui sotto) perché avevo molto di più nelle gambe. Stavo facendo un ottimo risultato ma poi sono incappato in un errore in uno dei punti dove proprio non bisognava farlo e l’ho pagato caro.

@Pentaphoto

Nelle ultime settimane gli allenamenti sono andati molto bene. Penso di non sbagliarmi se dico che erano anni che non andava in questo modo. Quindi, eccomi qui, domani sarò proprio bello carico e pronto per fare una bella gara.
Adelboden e Alta Badia sono le mie gare preferite, le più belle in assoluto.

Questa è molto tecnica anche se non è ripidissima a parte il micidiale muro finale. Ci sono molti dossi, cambi di pendenze di direzioni e ammetto che ci ho messo un po’ di anni per capirla. Ora devo dire che mi piace proprio e domani, come detto… a tutta, sperando di poter portare a casa un bel risultato. Sarò contento soltanto se arriverà il podio”.

Podio che due anni fa Luca avvicinò concludendo al quarto posto nella gara vinta da Marcel Hirscher davanti a Henrik Kristoffersen e ad Alexis Pinturault.

Precedentemente raccolse solo un 11esimo posto nel 2014, un 13esimo lo scorso anno e un 28esimo nel 2017.

Quest’anno, invece, l’atleta trentino ha finora ottenuto, come migliore risultato, l’ottavo posto nel gigante di apertura di Soelden.

Poi 14esimo a Beaver Creek e 16esimo sulla Gran Risa

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.