Gare

DH Cortina: Goggia, un’altra beffa!

E ve bè, non può farci niente nessuno! D’accordo, nel tratto finale non è stata così pulita però accidenti, aveva 3 decimi in alto sciando in  maniera divina, soprattutto in quella complicata curva Delta che ha buttato fuori anche oggi, come ieri in prova, Lindsey Vonn, in testa fino a quel punto. La sfortuna di Sofia Goggia non deve però mettere in ombra la grandiosa gara di Lara Gut che ha meravigliato anche oggi. Spianata come sempre, votata all’attacco assoluto e sempre molto attenta alle linee. Sofia scia in maniera diversa. Lei pensa solo a fare velocità, ma questa volta ha curato più di altre anche l’aspetto tecnico con linee praticamente perfette. Ne ha pizzicata solo una, quella che immetteva sullo schuss finale. E come ha detto Sofia: “Un po’ di amaro in bocca ce l’ho!“. E come si fa a non averlo! E’ il quarto secondo posto di stagione più altri quattro terzi posti. Comunque è bello sapere che abbiamo un’atleta in grado di brillare sempre. Ci mancava davvero da tanti anni. Domani nel superG potrà riscattarsi. La leader della classifica di specialità Ilka Stuhec è stata brava a concludere al terzo posto anche se, rispetto alle discese di inizio stagione, ha perduto un poco di lucidità nei passaggi più tecnici. ha sottratto il podio a Viktoria Rebensburg per 6 centesimi nel contesto di una classifica abbastanza corta. Si attendeva con molto interesse la prova anche di Verena Stuffer, prima nella prova di ieri, e la prestazione c’è stata. Addirittura avanti a tutte per due decimi nella prima parte, ha ceduto un poco nello Scarpadon dove ha accumulato oltre mezzo secondo concludendo con 78/100 di ritardo da Lara. Un sesto posto, però da premiare con una qualificazione garantita per i Mondiali di Saint Moritz. Alle sue spalle Johanna Schnarf, che come capita spesso oggi ha batato più alla velocità e un po’ meno alle linee. Ci sta!
Le altre Azzurre: complessivamente ne abbiamo tre nelle prime sette, 4 nelle prime 12. Il dodicesimo posto è di Federica Brignone che sta diventando amica della velocità… Clap.. clap… Clap… Poi Elena Fanchini,  a +1″42; Elena Curtoni +1″60; Francesca Marsaglia +1″97, mentre è uscita Nicol Delago

Nella classifica di specialità Ilka Stuhec mantiene la testa con 437 punti, ma Lara le si è avvicinata e la segua a 360 punti. terza è sempre Sofia Goggia con 300 punti.

In classifica generale, invece Lara ha quasi sfiorato Mikaela Shiffrin che comanda con 1053 punti contro i 1023 della detentrice della Coppa. Cpon il secondo posto di oggi Sofia si riappropria del terzo posto con 709 punti.

 

Ranking

RANK BIB NAME NAT TIME DIFF
1 15 GUT Lara

SUI

1:37.08
2 11 GOGGIA Sofia

ITA

1:37.13 +0.05
3 9 STUHEC Ilka

SLO

1:37.55 +0.47
4 5 REBENSBURG Viktoria

GER

1:37.61 +0.53
5 10 SCHMIDHOFER Nicole

AUT

1:37.85 +0.77
6 21 STUFFER Verena

ITA

1:37.86 +0.78
7 3 SCHNARF Johanna

ITA

1:38.00 +0.92
8 19 KLING Kajsa

SWE

1:38.04 +0.96
9 30 TIPPLER Tamara

AUT

1:38.08 +1.00
10 26 JOHNSON Breezy

USA

1:38.26 +1.18
11 20 COOK Stacey

USA

1:38.35 +1.27
12 31 BRIGNONE Federica

ITA

1:38.36 +1.28
12 18 VENIER Stephanie

AUT

1:38.36 +1.28
14 7 WEIRATHER Tina

LIE

1:38.41 +1.33
15 22 MOWINCKEL Ragnhild

NOR

1:38.42 +1.34
16 14 FANCHINI Elena

ITA

1:38.50 +1.42
17 28 WILES Jacqueline

USA

1:38.56 +1.48
18 24 MCKENNIS Alice

USA

1:38.58 +1.50
19 13 SUTER Fabienne

SUI

1:38.59 +1.51
19 4 VEITH Anna

AUT

1:38.59 +1.51
21 6 CURTONI Elena

ITA

1:38.68 +1.60
22 8 ROSS Laurenne

USA

1:38.73 +1.65
23 1 SUTER Corinne

SUI

1:38.94 +1.86
24 2 PUCHNER Mirjam

AUT

1:39.02 +1.94
25 27 MARSAGLIA Francesca

ITA

1:39.05 +1.97
26 32 WEIDLE Kira

GER

1:39.64 +2.56
27 23 FLURY Jasmine

SUI

1:39.67 +2.59
28 25 HAEHLEN Joana

SUI

1:39.72 +2.64
29 29 NUFER Priska

SUI

1:39.98 +2.90
30 16 GOERGL Elisabeth

AUT

1:40.04 +2.96
34 MIRADOLI Romane

FRA

Started
35 GAUTHIER Tiffany

FRA

Next
33 DELAGO Nicol

ITA

DNF
17 VONN Lindsey

USA

DNF
12 SIEBENHOFER Ramona

AUT

DNF

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment