Gare

DH Wengen: primo training agli elvetici

Prima sgambettata sul Lauberhorn di Wengen. I discesisti si sono infatti cimentati questa mattina nel primo training con l’elvetico Beat Feuz deciso a farsi valere fin da subito. Suo il miglior tempo di 2’29″49. Netto il vantaggio 1″16 sul connazionale Mauro Caviezel mentre con + 1″27 è terzo l’austriaco Matthias Mayer. Sulla pista di casa lo svizzero, che qui ha già vinto nella scorsa stagione e nel 2012, arrivando secondo nel 2015, ha fatto la differenza dal terzo intermedio in poi, guadagnando decimi di metro in metro.

Gli Azzurri si sono decisamente nascosti, con Christof Innerhofer che ha chiuso 13esimo in 2’31″77, ma soprattutto Dominik Paris, reduce dai due trionfi consecutivi di Bormio in discesa e in superG, che è finito addirittura 38° a 4″69, dietro anche ai compagni di squadra Emanuele Buzzi (28°) e Mattia Casse (33°).  Evidentemente il 29enne carabiniere non ha voluto strafare. Più lontani gli altri azzurri Werner Heel (41°), Matteo Marsaglia (50°) e Riccardo Tonetti (61°) Giovedì 17, sempre alle 12.30, gli atleti avranno la possibilità di provare la Lauberhorn, poi venerdì si comincia a fare sul serio con la combinata, mentre sabato 19 c’è la discesa e domenica 20 lo slalom.

Ordine d’arrivo 1ª prova DH maschile Wengen (Sui)
1 FEUZ Beat SUI 2:29.49
2 CAVIEZEL Mauro SUI 2:30.65 +1.16
3 MAYER Matthias AUT 2:30.76 +1.27
4 BENNETT Bryce USA 2:30.79 +1.30
5 KRIECHMAYR Vincent AUT 2:30.90 +1.41
6 SVINDAL Aksel Lund NOR 2:31.11 +1.62
7 REICHELT Hannes AUT 2:31.23 +1.74
8 STRIEDINGER Otmar AUT 2:31.34 +1.85
9 FRANZ Max AUT 2:31.42 +1.93
10 JANKA Carlo SUI 2:31.47 +1.98

13 INNERHOFER Christof ITA 2:31.77 +2.28
28 BUZZI Emanuele ITA 2:32.96 +3.47
33 CASSE Mattia ITA 2:33.52 +4.03
38 PARIS Dominik ITA 2:34.18 +4.69
41 HEEL Werner ITA 2:34.52 +5.03
50 MARSAGLIA Matteo ITA 2:35.32 +5.83
61 TONETTI Riccardo ITA 2:36.43 +6.94

About the author

Marco Di Marco

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment