Gare

Discesa di Coppa Europa a Sella Nevea, in 22 in 98 centesimi!

Il francese Victor Schuller si è aggiudicato la prima discesa di Coppa Europa disputata a Sella Nevea al termine di una gara “strettissima”, dove i primi 22 atleti sono racchiusi in meno di 1 secondo!

Victor, già vincitore nella discesa di Orcieres un mese fa,  con il tempo di 1’04″79 ha preceduto lo svizzero Ralph Weber di 11 centesimi, e lo svedese Olle Sundin di 12.

Il migliore degli azzurri è risultato Nicolò Molteni, che ha concluso al dodicesimo posto. Il che non sembrerebbe un risultato strepitoso se non fosse che il suo ritardo è di appena 62 centesimi!

Nei trenta si sono piazzati anche Pietro Zazzi, 25/o e Federico Paini 29/o, rispettivamente a 1″09 e 1″22 dalla vetta, per una classifica veramente strettissima. Più attardati gli altri azzurri al via.

Victor Schuller aveva vinto il bronzo ai Mondiali Juniores del 2016 e due anni dopo si è trovato al cancelletto di partenza della Streif di Kitzbühel.

Sulla stessa pista il comasco Molteni il 18 febbraio era arrivato terzo in una prova di discesa Fis disputata in due manche, soluzione provocata dalle condizioni della pista cotta dal sole. Nell’occasione vince l’elvetico Nils Mani, proprio davanti a Victor Schuller.

Ordine d’arrivo DH maschile Coppa Europa Sella Nevea:

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.