Gare

Fede: “Una delle più belle”, Elena: “Ci giravo attorno da un po’”

Fede: “Una delle più belle”, Elena: “Ci giravo attorno da un po’”.
Le parole delle Azzurre salite sul podio del superG di St. Moritz e di Sofia Goggia, che pur sesta, è sempre lì, al vertice, oggi autrice di un errore che spiega in maniera scientifica.

Federica Brignone: Una vittoria che va al di là delle cifre statistiche, una delle più belle della mia carriera: sudata, voluta e cercata. Dopo il weekend di Lake Louise ci credevo, perché ho fatto delle belle gare anche se di solito non è una pista a me favorevole. Sono arrivata a St.Moritz cercando di fare un bel risultato, l’ultima volta arrivai seconda a un centesimo, credendoci tanto. Ieri ero arrabbiata per non essere riuscita a fare quello che volevo, in un superG adatto alle mie qualità. Oggi quando hanno abbassato la partenza ero quasi preoccupata che la cancellassero!

In partenza c’era incertezza e dopo la caduta della Gut, che sembra star bene fortunatamente, mantenere la concentrazione è stato anche più difficile. Ho attaccato il traguardo a tutta, mettendo tutto quello che avevo perché volevo essere veramente veloce. Battere il risultato di Deborah Compagnoni è incredibile anche perché lei aveva Mauro Sbardellotto, che è il mio skiman attuale, e penso sia una bellissima cosa che ci unisce. E’ stata una grande atleta e spero di continuare a vincere. Non sono sola, nel team Italia ci sono tante ragazze che possono vincere tanto come Sofia Goggia e Marta Bassino. Spero di continuare così dopo questo traguardo incredibile. E’ da questa estate che mi diverto, che mi diverto a far le gare, a sfidarmi e ad allenarmi di più, a rischiare la curva più velocemente, a far più fatica ritrovando così il piacere di fare tutto questo e sono contenta di non aver mollato e aver tenuto duro fino a oggi”.

Elena Curtoni: “Avevo questa prestazione negli sci, nelle gambe e nel cuore. Era un po’ che ci giravo intorno e son contenta di aver messo in pista la mia sciata da cima a fondo. Era una giornata un po’ caotica, condizionata dal vento con la partenza abbassata, sono stata brava a gestire anche questa situazione. Sono contenta di dividere il podio con una compagna e contenta del risultato di squadra: siamo andate molto forte. Il miglior momento di sempre? Penso si arrivi ad un certo punto in cui, una volta passati i momenti belli e brutti si arrivi ad un momento in cui si ottiene una maturità sportiva, che ti permette di essere serena ed andare avanti di giorno in giorno, di gara in gara”

Sofia Goggia: “Una gara con la partenza abbassata, condizionata dal vento che ha soffiato più in alcune discese che in altre. Ho da recriminarmi, dal punto di vista personale, di aver sbandato ad una curva che mi ha fatta entrare nel terzo intertempo con poca velocità, motivo per cui ho perso così tanto. Peccato perché, nonostante un sesto posto, non sono soddisfatta di me ma so che posso fare di più e mi dispiace non aver fatto meglio. Adesso andremo in Val d’Isère, intervallato da un allenamento a Sestriere”. Fede una delle più Fede una delle più

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.