Gare

Finali CdM: Maria Riesch torna al comando con 3 punti sulla Vonn

Il tempo ancora brutto a Lenzerheide costringe gli organizzatori a cancellare anche il gigante maschile, dopo i 2 superG. Si è disputato non senza difficoltà, lo slalom femminile vinto da una strepitosa Tina Maze, che se avesse sciato così anche nella prima parte di stagione oggi si troverebbe assieme a Riesch e a Vonn in lotta per la sfera di cristallo. La tedesca, seconda nella prima manche, non ha saputo approfittare della situazione ed ha concluso al quarto posto alle spalle della Zuzulova per soli 2 centesimi. Troppo poco per scrollarsi di dosso Lindsey Vonn che ora è tornata seconda, ma a soli 3 lunghezze di svantaggio (1728 contro 1725) , grazie alla 13esima posizione ottenuta tra i rapid gates. Tutto sarà affidato dunque allo slalom gigante di domani, che dovrebbe avere luogo senza problemi visto che il meteo parla di tregua. Maria Riesch è leggermente più forte in gigante. Quest’anno è arrivata seconda a Semmering, quinta a Soelden e nona ad Aspen, mentre l’americana oltre a due settimi posti conseguiti a Semmering e a St. Moritz, viene da un ottimo terzo posto ottenuto a Spindleruv Mlyn.
Nello speciale di stamane, disputato su un terreno molto morbido, Marlies Schild si è classificata seconda a soli 5 centesimi da Tina Maze, ed ha potuto sollevare al cielo la coppetta di specialità, comunque già vinta matematicamente con 680 punti, contro i 511 della finlandese Tanja Poutiainen. terzo Maria Riesch con 470.  
Nicole Gius, unica italiana al via per il forfait di Manuela Moelgg colpita da uno stato influenzale, si è classificata al 24esino posto

Con l’annullamento del gigante maschile si è definitivamente disegnato il podio della specialità. Sfera di cristallo per il terzo anno consecutivo per l’americano Ted Ligety che ha totalizzato 383 punti, contro i 306 del norvegese Aksel Lund Svindal e i 303 del francese Richard. Migliore degli italiani Massimiliano Blardone, ottavo con 151 punti. Sedicesimo Davide Simoncelli (107 punti), mentre Manfred Moelgg è 20esimo con 92 punti)

 

 

Rank Bib FIS Code Name Year Nation Run 1 Run 2 Total Time FIS Points
 1  15  565243 MAZE Tina  1983  SLO   44.08  45.25  1:29.33  0.00
 2  3  55590 SCHILD Marlies  1981  AUT   43.38  46.00  1:29.38  0.34
 3  7  705287 ZUZULOVA Veronika  1984  SVK   44.92  45.05  1:29.97  4.37
 4  2  206001 RIESCH Maria  1984  GER   43.87  46.12  1:29.99  4.51
 5  5  505760 PIETILAE-HOLMNER Maria  1986  SWE   44.29  45.71  1:30.00  4.58
 6  4  55838 ZETTEL Kathrin  1986  AUT   44.40  45.67  1:30.07  5.05
 7  20  206279 GEIGER Christina  1990  GER   44.44  45.65  1:30.09  5.19
 8  18  55759 KIRCHGASSER Michaela  1985  AUT   45.19  45.11  1:30.30  6.62
 9  1  196806 NOENS Nastasia  1988  FRA   44.76  45.64  1:30.40  7.31
 10  10  206160 RIESCH Susanne  1987  GER   44.59  46.05  1:30.64  8.95
 11  11  505679 HANSDOTTER Frida  1985  SWE   44.75  45.97  1:30.72  9.49
 12  6  185140 POUTIAINEN Tanja  1980  FIN   44.68  46.19  1:30.87  10.52
 13  16  537544 VONN Lindsey  1984  USA   45.13  45.85  1:30.98  11.27
 14  25  105269 GAGNON Marie-Michele  1989  CAN   45.78  45.21  1:30.99  11.34
 15  17  206035 CHMELAR Fanny  1985  GER   45.45  45.61  1:31.06  11.81
 16  23  515997 FEIERABEND Denise  1989  SUI   45.96  45.14  1:31.10  12.09
 17  8  155415 ZAHROBSKA Sarka  1985  CZE   45.29  45.98  1:31.27  13.25
 18  12  505610 BORSSEN Therese  1984  SWE   44.73  46.57  1:31.30  13.45
 19  28  55947 FENNINGER Anna  1989  AUT   46.29  45.07  1:31.36  13.86
 20  14  55690 HOSP Nicole  1983  AUT   44.88  46.50  1:31.38  14.00
 21  21  195972 AUBERT Sandrine  1982  FRA   45.13  46.29  1:31.42  14.27
 22  19  56032 SCHILD Bernadette  1990  AUT   45.86  45.60  1:31.46  14.54
 23  29  56059 DEPAULI Jessica  1991  AUT   45.42  46.20  1:31.62  15.64
 24  22  295435 GIUS Nicole  1980  ITA   46.27  45.39  1:31.66  15.91
 25  24  385032 JELUSIC Ana  1986  CRO   46.24  45.53  1:31.77  16.66
 26  27  537545 MANCUSO Julia  1984  USA   45.85  46.06  1:31.91  17.62
 27 &nbs”

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment