Gare

Fondo: Pellegrino a Drammen per difendere la Coppa

Fresco della medaglia d’oro conquistata ai mondiali di Lahti più l’argento nella etam col compagno Noeckler, Federico Pellegrino torna in pista per difendere la Coppa conquistata lo scorso anno. Domani, infatti, è prevista  sulla pista di Drammen, in Norvegia, una gara in tecnica classica che precede quella di chiusura, prevista a Quebec City (Can) venerdì 17 marzo. Le qualificazioni sono previste alle ore 13, fase a eliminazione diretta a partire dalle ore 15.30. Federico Pellegrino difende il pettorale di leader con 309 punti davanti a Johannes Klaebo con 289 e Finn Hagen Krogh con 277. “E’ una pista per gran parte simile a quella dell’anno scorso – racconta il poliziotto valdostano -. Qui non possiamo mai provare il tracciato sino al giorno della gara, da quel che si vede sembra che ci sia molta neve naturale e meno bagnata rispetto al passato, un fatto che potrebbe favorire le mie caratteristiche in colassico. E’ l’ottava volta che corro a Drammen ma non sono mai andato oltre i quarti di finale, un miglioramento di posizione porterebbe punti importanti in classific per il gran finale in Canada. Mi presento carico e con ottime sensazioni dopo le due medaglie del Mondiale di Lahti“. Insieme a Pellegrino saranno della partita Maicol Rastelli e Simone Urbani in campo maschile e Greta Laurent, Lucia Scardoni e Gaia Vuerich fra le donne.

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment