Gare

Giochi 2018-Biathlon: Dahlmeier infallibile

Laura Dahlmeier rompe tutti i tabù: mai nessuno alle Olimpiadi era riuscito a vincere l’inseguimento dopo aver conquistato l’oro nella sprint. E mai nessun campione del mondo in carica è stato capace di confermare l’oro anche alle Olimpiadi. La fuoriclasse tedesca c’è riuscita e questo è il suo secondo oro in pochi giorni (il terzo finora per la Germania su 3 gare!). Ma d’altra parte ha davvero una marcia in più. Vitkova ci ha provato e dopo il secondo poligono l’aveva anche presa, poi è crollata. E come lei tante. Perché il vento ha rotto qualsiasi progetto certo di medaglia soprattutto al terzo poligono che ha fatto una strage di errori. Ne è uscita alla grande la slovacca Anastasiya Kuzmina che con un solo errore nell’ultima tornata (4 in totale) di tiri si è lanciata verso il traguardo assieme alla sorprendente francese Anais Bescond, non così forte nel fondo, ma precisissima al poligono con un solo errore e 14 centri. Nella volata ha prevalso Anastsiya per 2 centesimi.
In casa Italia le cose si sono complicate dopo la seconda sessione di tiro con Lisa Vittozzi, sesta fino a quel momento, a commettere due erroi fatali, così come Dorothea Wierer. Lisa ha saputo poi recuperare bene ma si è bloccata al terzo poligono in piedi: dopo i primi quattro bersagli colpiti ha aspettato troppo per l’ultimo che poi ha sbagliato. Come se avesse commesso due errori. E’ stato un attimo perdere posizioni e concludere undicesima a 1 e 59 dalla Dahlmeier. Wierer ha chiuso con un 5 su 5 all’ultima tornata di tiro ( 5 gli errori complessivi al tiro) ma era troppo tardi ed ha tagliato il traguardo quindicesima.
La classifica

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment