Gare

GS Åre, nella prima, Marta Bassino trova lo spunto e si incolla a Vlhova

GS Åre, nella prima, Marta Bassino trova lo spunto e si incolla a Vlhova.
La più bella Marta Bassino della stagione si trova al secondo posto della prima manche nel gigante di Åre. Peccato sia praticamente finita la stagione perché quella vista nel primo tracciato è la Marta che abbiamo scoperto lo scorso anno. Ma non è finita e per finire nei premi ci vorrà un bis. Al comando c’è Petra Vlhova che avrebbe un vantaggio nettamente superiore ai 3 centesimi sull’Azzurra, se non si fosse inchiodata a cinque porte dal traguardo.

Due più giù, in vista della linea d’arrivo, si è purtroppo schiantata Federica Brignone. Il braccio è finito dentro la porta perché nel passaggio precedente, una linea un po’ troppo lunga l’aveva costretta a mettere l’esterno fuori dalla linea. Davvero un gran peccato ma per la botta che ha preso, è andata bene! Si è alzata e recuperato il traguardo.

Anche la dominatrice della stagione Sara Hector ha incontrato qualche difficoltà rispetto al solito, in una manche dove c’era poca velocità e bisognava trovare il modo per spingere nei punti di raccordo. La svedese è comunque terza a 29 centesimi da Petra. Seguono Michelle Gisin a +0,58, Tessa Worley a 6 decimi e Mikaela Shiffrin che paga 79/100.

Poi si passa al secondo di ritardo con Ragnhild Mowinckel a +1″04, ottava, davanti alla prima delle austriache Katharina Truppe a un secondo e mezzo.

Avrà una grandissima opportunità Karoline Pichler che è riuscita a qualificarsi col trentesimo tempo. Il ritardo è pesante, +4″35 ma con una buona prova può guadagnare diverse posizioni. Anche in considerazione che il tracciatore della seconda sarà il nostro Gianluca Rulfi.
32esima invece, Asja Zenere (+5″22) mentre sono uscite sia Roberta Melesi che Roberta Midali.

LA CLASSIFICA

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment