Gare

GS Garmisch: Pintu e Hircher incollati

Con due pennelli al posto degli sci, Alexis Pinturault ha disegnato la solita manche capolavoro sul tracciato più lungo del circuito. Poco meno di un minuto e venti di gara con 57 porte disposte su una pista molto varia, con tratti ripidi e ghiacciatissimi e altri dove bisognava essere dolci, delicati e molto graduali nei cambi, da effettuare senza fretta. A 9 centesimi da Alexis un altro genio del gigante, Marcel Hirscher che ha fatto corsa parallela col diretto rivale, esprimendo una sciata più grintosa, meno pulita, ma entusiasmante! Sono davvero i protagonisti della specialità, un grande spettacolo vederli sciare.
Al terzo posto la sorpresa di giornata, lo svedese Matts Olsson che, ormai lo possiamo dire, è la più grande scoperta della specialità dell’anno, anche se è venuto fuori con il gigante di Adelboden. Sceso col 23, quando tutti ormai transitavano sotto il traguardo con ritardo attorno ai 2 secondi, facendo pensare che la pista ormai non concedeva troppo favori, ha concluso al terzo posto con 45 centesimi da Alexis. Una prova di altissimo spessore e condotta con una sicurezza nella sua azione, impressionante. Questo sarà sicuramente un grande protagonista del giganti d’ora in avanti anche se non è di primo pelo. 28 anni, già quarto tre anni fa a Saint Mirtz, poi più nulla, fino al sesto posto di Adelboden dello scorso gennaio.

Felix Neureuther ha stretto i denti per mitigare il dolore al ginocchio che gli toglie il sonno e davanti al suo pubblico ha portato a termine una prima manche di valore. Un quarto posto che fa sognare il popolo di Garmisch. Parlando di fenomeni, più indietro Henrik Kristoffersen che è stato sul suo rendimento medio tra le porte larghe. E’ miracolosamente stato in pista dopo una derapata incredibile sul vetro, prendendosi alla fine un secondo e mezzo. Il compagno di squadra Haugen gli è stato davanti (+1″38). Meglio di lui il tedesco Stefan Luitz che quando riesce a rimanere in pista, compie sempre ottime manche. 96 i centesimi da recuperare e solo 5 centesimi da difendere sul francese Mathieu Faivre, sesto a +1″01. Quindi un altro della truppa transalpina: Victor Muffat-Jeandet, settimo a +1″21.

Indietro gli azzurri:
Florian Eisath ha sciato bene, seppur reduce da un brutto colpo preso sul fianco per un impatto con la base di un palo. Ha preso 6 decimi nella prima part e 6 decimi nella seconda, anche se nell’ultimo tratto o stato più veloce di Alexis, proprio quando le forze venivano meno. 1″21 di ritardo non è tanto. Meno bene è andata a Manfred Mölgg. manny, aveva contenuto il distacco da Pintu a meno di mezzo secondo, poi sul muro finale è rimasto in pista grazie a un gran mestiere, per contrastare una pericolosa rotazione. ma l’ ha preso un secondo, concludendo a a”63. Manche da dimenticare per Luca De Aliprendini che non ha saputo interpretare il percorso. Lo ha patito dall’inizio alla fine. Meglio di lui Riccardo Tonetti, bravo a reagire ad alcuni errori provocati più dal pendio e da questa neve un po’ a macchia di leopardo (dal duro al soft) e dal recuperare il traguardo a poco più di 2 secondi, appena alle spalle di Manny.
Solita manche per Roberto Nani, pulito, sempre in linea ma quando non spingi ti porti dietro un ritardo che risulta poi incolmabile: 2″64, anche se almeno un secondo doi pista in quel ritardo sarebbe da considerare. Maurbergerè felice perché, pur con un ritardo di 3 secondi p riuscito a qualificarsi col 28esimo miglior tempo

Tra gli atleti di punta mancheranno all’appello della seconda manche gli austriaco Philipp Schoerghofer e Manuel Feller, usciti dopo una ventina di orte.

Ranking

RANK BIB NAME NAT TIME DIFF
1 3 PINTURAULT Alexis

FRA

1:19.76
2 5 HIRSCHER Marcel

AUT

1:19.85 +0.09
3 23 OLSSON Matts

SWE

1:20.21 +0.45
4 2 NEUREUTHER Felix

GER

1:20.26 +0.50
5 12 LUITZ Stefan

GER

1:20.72 +0.96
6 6 FAIVRE Mathieu

FRA

1:20.77 +1.01
7 4 MUFFAT-JEANDET Victor

FRA

1:20.78 +1.02
8 9 EISATH Florian

ITA

1:20.97 +1.21
9 11 HAUGEN Leif Kristian

NOR

1:21.14 +1.38
10 26 FORD Tommy

USA

1:21.20 +1.44
11 7 KRISTOFFERSEN Henrik

NOR

1:21.28 +1.52
12 13 MURISIER Justin

SUI

1:21.32 +1.56
13 8 MOELGG Manfred

ITA

1:21.39 +1.63
14 20 TONETTI Riccardo

ITA

1:21.84 +2.08
15 24 MISSILLIER Steve

FRA

1:21.86 +2.10
16 17 KILDE Aleksander Aamodt

NOR

1:21.87 +2.11
17 25 CAVIEZEL Gino

SUI

1:21.90 +2.14
18 29 JITLOFF Tim

USA

1:21.97 +2.21
19 18 JANSRUD Kjetil

NOR

1:22.14 +2.38
20 21 LEITINGER Roland

AUT

1:22.22 +2.46
21 10 DE ALIPRANDINI Luca

ITA

1:22.32 +2.56
22 22 NANI Roberto

ITA

1:22.40 +2.64
23 41 ZAMPA Andreas

SVK

1:22.48 +2.72
24 16 JANKA Carlo

SUI

1:22.49 +2.73
25 32 MEILLARD Loic

SUI

1:22.55 +2.79
26 30 KRYZL Krystof

CZE

1:22.63 +2.87
27 49 ANDRIENKO Aleksander

RUS

1:22.65 +2.89
28 42 MAURBERGER Simon

ITA

1:22.76 +3.00
29 15 KRANJEC Zan

SLO

1:22.80 +3.04
30 19 ZUBCIC Filip

CRO

1:22.89 +3.13
31 34 TORSTI Samu

FIN

1:22.90 +3.14
32 50 COCHRAN-SIEGLE Ryan

USA

1:22.93 +3.17
33 27 READ Erik

CAN

1:22.98 +3.22
34 35 RUBIE Brennan

USA

1:23.01 +3.25
35 36 SCHWAIGER Dominik

GER

1:23.02 +3.26
36 43 CHODOUNSKY David

USA

1:23.16 +3.40
37 46 BROWN Phil

CAN

1:23.24 +3.48
38 61 BALLERIN Andrea

ITA

1:23.48 +3.72
39 31 MAYER Matthias

AUT

1:23.60 +3.84
40 53 BOSCA Giulio Giovanni

ITA

1:23.62 +3.86
41 59 ZURBRIGGEN Elia

SUI

1:23.85 +4.09
42 63 STRASSER Linus

GER

1:23.93 +4.17
43 62 ZINGERLE Alex

ITA

1:24.07 +4.31
44 54 PHILP Trevor

CAN

1:24.17 +4.41
45 44 NETELAND Bjoernar

NOR

1:24.97 +5.21
46 58 SCHMID Alexander

GER

1:25.73 +5.97
47 38 PIRINEN Eemeli

FIN

1:26.96 +7.20
48 57 GATEAU Elie

FRA

1:28.36 +8.60
28 NOESIG Christoph

AUT

DNS
66 BREITFUSS KAMMERLANDER Simon

BOL

DNF
65 HADALIN Stefan

SLO

DNF
64 FAVROT Thibaut

FRA

DNF
60 GALEOTTI Greg

FRA

DNF
56 MEIER Daniel

AUT

DNF
55 ROENNGREN Mattias

SWE

DNF
52 COOK Dustin

CAN

DNF
51 ROBERTS Hig

USA

DNF
48 PLEISCH Manuel

SUI

DNF
47 JENAL Sandro

SUI

DNF
45 HIRSCHBUEHL Christian

AUT

DNF
40 MONSEN Marcus

NOR

DNF
39 WINDINGSTAD Rasmus

NOR

DNF
37 MATHIS Marcel

AUT

DNF
33 SARRAZIN Cyprien

FRA

DNF
14 FELLER Manuel

AUT

DNF
1 SCHOERGHOFER Philipp

AUT

DNF

 

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment