Gare

GS Hinterstoder: De Aliprandini dà le spalle alla sfortuna

Grande Luca De Aliprandini e grande Italia nel primo gigante di Hinterstoder. Il trentino è stato assoluto protagonista della seconda manche della seconda gara consecutiva vinta dal francese Alexis Pinturault (non succedeva da 47 anni che un francese vincesse due giganti di fila in Coppa, l’ultimo

Ski World Cup 2015-2016. Luca De Alliprandini (Ita) Hinterstoder, Austria. 26/02/2016. Men's Giant Slalom. Pentaphoto/Alessandro Trovati
Ski World Cup 2015-2016. Luca De Alliprandini (Ita)
Hinterstoder, Austria. 26/02/2016. Men’s Giant Slalom.
Pentaphoto/Alessandro Trovati

era stato Jean Noel Augert), e ha fatto registrare il miglior parziale che gli ha permesso di risalire dalla 26/a alla settima posizione, sfiorando il suo miglior risultato in carriera, che rimane il 6/o posto nel gigante di Val d’Isère del 2013. Per l’Italia ci sono altri due atleti fra i primi nove della classifica: Roberto Nani 8/o e Manfred Moelgg 9/o, al miglior risultato stagionale nella disciplina. Insomma l’Italia c’è e ritrova un De Aliprandini protagonista, dopo gli infortuni che hanno condizionato gli ultimi due anni di carriera: ultimo, la caduta nel superG della Val Gardena, dove si è provocato una frattura alla mano.
La gara è stata vinta da Pinturault, come era già successo a Naeba, che ha preceduto Marcel Hirscher e Thomas Fanara. Il distacco del francese su Hirscher è di 79 centesimi, ma sarebbe potuto essere anche più ampio se lo stesso Pinturault non avese incocciato duramente con una porta nel finale. Kristoffersen si deve accontentare del quarto posto, mentre quinto e sesto sono i due tedeschi Stefan Luitz e Felix Neureuther.
Ancora un buon piazzamento per Riccardo Tonetti che è 17/o, Florian Eisath è 23/o e 26/o è Max Blardone.
Hirscher allunga nella generale e sale a 1225 punti, staccando Kristoffersen di 203 lunghezze, mentre nella classifica di gigante il primo posto di Hirscher è abbastanza solido con 481 lunghezze contro le 330 di Pinturault. Mancano però ancora quattro gare alla fine della stagione e tutto è aperto. Il miglior azzurro rimane Roberto nani con il settimo posto e 182 punti.
Sabato toccherà ai velocisti con il superG alle 12, mentre il gigante tornerà domenica, con gli stessi orari odierni.
Ordine d’arrivo GS maschile I Hinterstoder (Aut):
1 PINTURAULT Alexis FRA 1:16.03 1 +0.40 3 2:31.72
2 HIRSCHER Marcel AUT +0.87 4 +0.32 2 2:32.51 +0.79
3 FANARA Thomas FRA +0.78 3 +0.54 4 2:32.64 +0.92
4 KRISTOFFERSEN Henrik NOR +0.94 5 +0.78 7 2:33.04 +1.32
5 LUITZ Stefan GER +0.51 2 +1.30 11 2:33.13 +1.41
6 NEUREUTHER Felix GER +0.98 6 +1.09 8 2:33.39 +1.67
7 DE ALIPRANDINI Luca ITA +2.28 26 1:15.29 1 2:33.60 +1.88
8 NANI Roberto ITA +1.33 11 +1.31 12 2:33.96 +2.24
9 MOELGG Manfred ITA +1.21 9 +1.49 17 2:34.02 +2.30
10 MYHRER Andre SWE +2.18 23 +0.68 6 2:34.18 +2.46
11 STAUBITZER Benedikt GER +1.50 12 +1.37 14 2:34.19 +2.47
12 HAUGEN Leif Kristian NOR +1.57 13 +1.42 16 2:34.31 +2.59
13 KRANJEC Zan SLO +2.54 28 +0.61 5 2:34.47 +2.75
14 SCHOERGHOFER Philipp AUT +1.66 15 +1.57 18 2:34.55 +2.83
15 ZUBCIC Filip CRO +1.31 10 +1.97 23 2:34.60 +2.88
16 FELLER Manuel AUT +2.08 20 +1.22 9 2:34.62 +2.90
17 TONETTI Riccardo ITA +1.98 19 +1.34 13 2:34.64 +2.92
18 MURISIER Justin SUI +2.20 24 +1.24 10 2:34.76 +3.04
19 DOPFER Fritz GER +1.13 8 +2.41 28 2:34.86 +3.14
20 PATRICKSSON Axel William NOR +1.84 18 +1.73 19 2:34.89 +3.17
21 RICHARD Cyprien FRA +1.77 17 +1.85 21 2:34.94 +3.22
22 JANKA Carlo SUI +1.72 16 +2.03 25 2:35.07 +3.35
23 EISATH Florian ITA +2.12 22 +1.73 19 2:35.17 +3.45
24 JANSRUD Kjetil NOR +1.59 14 +2.28 27 2:35.19 +3.47
25 HIRSCHBUEHL Christian AUT +2.64 29 +1.40 15 2:35.36 +3.64
26 BLARDONE Massimiliano ITA +2.35 27 +1.87 22 2:35.54 +3.82
27 NOESIG Christoph AUT +2.27 25 +1.99 24 2:35.58 +3.86
28 MISSILLIER Steve FRA +2.65 30 +2.12 26 2:36.09 +4.37
29 FORD Tommy USA +2.10 21 +2.79 29 2:36.21 +4.49

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment