Gare

GS Lenzerheide, sorride Pinturault, Odermatt è a oltre un secondo e mezzo

Non è ancora finita, per carità, ma le cose, dopo la prima manche del Gs di Lenzerheide, per Alexis Pinturault si mettono benissimo. Il francese, da oggi trentenne, comanda la gara con un vantaggio notevole. Solo l’austriaco Stefan Brennsteiner è riuscito a rimanere sotto il secondo con un +0,81, nonostante il pettorale 12. poi a  +1″04 il croato Filip Zubcic e a +1 “18 il nostro Luca De Aliprandini. Una bella prova quella dell’Azzurro soprattutto nella seconda parte, dove bisognava essere delicati. È riuscito a mettere da parte la sua nota aggressività e come a Cortina ha letto intelligentemente sia il disegno che quella neve davvero impegnativa. Luca al traguardo: “Mi sono trovato bene da metà manche in giù, il quarto posto e un buon punto di partenza per la seconda manche, il podio non è un’ossessione ma sicuramente ci proverò. Sarebbe il modo migliore per chiudere la stagione”.

Quinto posto per Thibaut Favrot, in costante crescita (+1″31), sesto per Justin Murisier a 1″48. Anche Matthieu Faivre ha dato una mano ad Alexis, concludendo a +1″53 dietro anche a Kranjec.

Ma quel che più conta è che Marco Odermatt ha effettuato forse la sua peggiore manche della stagione tra le porte larghe. Ci ha capito poco, spesso fuori tempo e quell’esterno che faceva fatica a tenere la linea. Il suo ritardo è di +1″66. L’elvetico chiude al decimo posto. per ribaltare la situazione della generale e del gigante serve un miracolo vero.

Non una bella preparazione quella offerta dagli organizzatori che hanno aspettato le prime ore dell’alba per mettere mano alla pista ricoperta dall’ennesimo strato di neve caduta nella notte.

Anche per questo Giovanni Borsotti, partito per penultimo, col 21, ha concluso con un ritardo di 2″74 in 17esima piazza.

LA CLASSIFICA

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.