Gare

Hirscher: “Se non mi avessero avvisato del dosso finale…”

Marcel Hirscher affronterà la seconda manche con un distacco notevole. Bontà sua. Nel dopo prima manche eccolo al mic di Ninna Quario: “Una manche per niente facile perché la neve è molto aggressiva. Bisognava essere davvero molto equilibrati sullo sci e attentissimi a non sbagliare. Il muro non era poi così dritto, nel senso che se si andava troppo dritti si rischiava di uscire, quindi bisognava dosare alla perfezione la pressione in curva. In fondo invece era proprio una riga verticale e veloce. Un attimo prima di partire il mio allenatore mi ha avvisato di quel dosso che aveva messo ko Manuel Feller suggerendomi come superare il passaggio. Onestamente ero un po’ timoroso di sbagliare… Meno male che è riuscito ad avvisarmi in tempo! Avrei preferito qualche angolo in più, ma bisogna sempre essere pronti ad adattarsi a ogni situazione“.
La seconda manche, al via alle 05:45, è tracciata dall’allenatore di Alexis Pinturault, Frederic Perrin.

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment