Gare

Inner e la perenne sete di rivincita

Il podio numero diciassette della carriera in Coppa del mondo (secondo della stagione dopo il secondo posto nella discesa di Lake Louise) riconsegna definitivamente Christof Innerhofer alle posizioni di vertice nella velocità. E’ la sua prima volta sul Saslong, con questa sono dodici le piste del circuito sulle quali il quasi trentaquattrenne finanziere di Gais ha ottenuto un piazzamento fra i primi tre. “Sono contento perchè la doppia delusione di Beaver Creek (in cui avev raccolto appena un 23simo e un 24simo posto fra discesa e supergigante) c’era la giusta occasione per prendermi la rivincita – ha spiegato Christof -, ho guardato i primi numeri scendere e ho potuto studiare ulteriormente le linee, ho capito che si poteva tagliare ulteriormente. Così ho piantato bene il piede, ogni tanto finivo ancora un po’ laterale, mi sono messo a fare pieghe pesanti come Valentino Rossi, l’importante è avere un buon feeling quando esci dal cancelletto. Ho preso tanta fiducia nella scorsa estate facendo gigante, ho lavorato tanto in primavera per cercare di raddrizzare e rimanere sempre in movimento, finalmente a Lake Louise sono salito su un podio che fino all’anno scorso sembrava impossibile, sono soddisfatto perchè in supergigante ho proprio bisogno di punti. In vista della discesa sarà importante concentrarsi sulla sciata e non sul risultato, se non quando si taglia il traguardo. Vedere sul tabellone il mio tempo colorato di verde mi ha dato tanta gioia, una volta che hai vissuto tanti momenti di felicità sportiva come mi è accaduto in passato, poi ti viene voglia di riviverli e so che posso ottenerne ancora tanti“.

Queste le dichiarazioni degli altri azzurri:

Dominik Paris: “Ho rischiato e poi ho sbagliato di nuovo, poi sono uscito. Ho un po’ sbagliato la linea: c’erano delle onde, volevo scattare e sono rimasto un po’ a destra, non sono riuscito a rientrare. Più o meno sono contento, la velocità c’è e quello è l’importante. La discesa? Nuovo giorno, nuova sfida”

Peter Fill: “Spero di tornare dove so di poter arrivare, vediamo quanto tempo ci metto. Ora faccio quello che riesco, provo a sciare tutti i giorni. Più scio, meglio è. Mi mancano i giorni di allenamento. La gara di oggi? Ho sciato così perché non ho fiducia, arrivano i punti difficili e mi manca qualcosa per darci dentro, quello è il problema. Innerhofer l’ho visto bene, ha attaccato ed era veloce”.

About the author

Marco Di Marco

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment