Fabian Bacher oggi. Lo slalomista Azzurro vinse i Campionati Italiani Giovani
Gare

Italiani Aspiranti: Bacher re dei Giovani

Fabian Bacher è il Re dei Giovani avendo vinto lo slalom ai Campionati Italiani Giovani. Così l’atleta di Pedroi è il nuovo campione italiano Aspiranti di slalom speciale. Il giovane diciassettenne si è infatti imposto il 6 aprile sulle nevi di Corno alle Scale su Patrick Zattarin e Norman Cerini.

Bacher ha dominato sia la prima che la seconda manche dimostrando di avere davvero un altro passo rispetto agli altri giovani atleti. Sulla pista Direttissima Alberto Tomba Bacher non ha avuto problemi a fare suo anche lo slalom gigante, mettendosi alle spalle il rivale più accreditato Hubert Franzelin, mentre Guglielmo Bosca ha vinto il bronzo.

Anche in questo caso Fabian ha fatto segnare il miglior tempo sia nella prima che nella seconda manche. Ma i trionfi per l’alfiere del Comitato Alto Adige non sono finiti. Sugli shuss di Santa Caterina Valfurva è arrivato il terzo oro nella discesa libera, conquistato a pari merito con il valdostano Henri Battilani. Il bronzo è finito al collo del compagno di comitato Hubert Franzelin.

Delusione invece per Matteo De Vettori dal quale si aspettavano risultati migliori. Una medaglia di legno che certamente peserà sul morale del ragazzo, ma nonc erto sulle sue enormi potenzialità. In SuperG mentre tutti si aspettavano la cinquina di Fabian (ha vinto anche la combinata per somma di punti), è spuntato fuori Norma Cerini, migliore di Martin Pirini per soli 10 centesimi. Il valdostano Guglielmo Bosca ha completato il podio.

In campo femminile, il superg ha visto prevalere sulla pista intitolata a Deborah Compagnoni, Chiara Carratù, dello sci club Napoli. Un risultato che potrebbe aprire le porte della Nazionale. Sarebbe un sogno per la stella dello sci napoletano, allenata da Christian Castellano che i lettori di Sciaremag conoscono bene, poiché fa parte del nostro team di testatori. L’argento è stato vinto da Eli Plut, mentre Nicola Agnelli ha tolto il bronzo ad Alessia Medetti.

Nessuna è riuscita a battere le ambizioni confermate di Sofia Goggia nella discesa libera. Vincitrice di ben 4 ori nella passata edizione degli Aspiranti nazionali, la stella del Radici Group ha battuto Janina Schenk di quasi un secondo, mentre Eli Plut si è messa in tasca il secondo bronzo.

Bene anche Chiara Carratù, quinta alle spalle di Elody Ballot. In slalom gigante l’altoatesina Maria Nirz dello sci club di Jochtal, è stata straordinaria sia nella prima che nella seconda manche dove è riuscita a mettersi alle spalle tutte le avversarie.  Valentina Rossi Cillara si è dovuta arrendere meritandosi comunque un ottimo argento, mentre Karolina Pichler si è aggiudicata il bronzo.

Festa grande a Limone Piemonte per la vittoria in slalom di Cristel Boudoin dello sci club Equipe Limone. Figlia di un maestro di sci,  Cristel ha fatto un vero e proprio miracolo nella seconda manche recuperando ben sei posizioni. Amaro in bocca invece per  Tatiana Nogler Kostner che si era imposta nella prima frazione. Qualche errore di troppo commesso nella manche conclusiva hanno fermato il cronometro 12 centesimi più in là dellì’oro! E’ stata comunque brava a contenere l’ottima manche di  Valentina Cillara Rossi, giunta  terza, ma felice per essere tornata a casa con due medaglie.Fabian Bacher oggi. L’Azzurro vinse i Cmapionati Italiani giovani

 

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment