Gare

Italiani Master: Lo slalom

Ultima puntata dei Campionati Italiani Master 2019, lo slalom speciale e la premiazione. So di ripetermi ma devo riaffermare la grande dimostrazione di efficienza dello sci club 3punto3, dall’apertura di questi campionati, non un errore o una leggerezza sono stati fatti, tutto “calcolato” e realizzato come da programma. Premiazione durante e prima della quale, si sono potute gustare deliziose specialità abruzzesi e campane, delle quali tutti hanno più volte profittato. Altro benefit sono stati i premi in natura distribuiti, a cominciare dagli zaini ed i trolley Carpisa che sono andati agli atleti vincitori delle medaglie FISI. Ai molti buoni omaggio o sconto che la famiglia Tarabella, dell’omonimo hotel di Forte dei Marmi ha generosamente distribuito. I preziosi braccialetti realizzati a mano da: Coccopalmeri, ricevuti dai primi di ogni Gruppo. Il generoso premio, consistente del noleggio gratuito per un week end ad Ischia, che il titolare di Italmarine: Gennaro Amato, ha messo a sorteggio fra i presenti. Molto apprezzata è stata la velocità della premiazione, condotta dal brillante Fabrizio Kühne, una vera “Macchina” da guerra; onestamente credo che nessuno avesse previsto di terminare così presto dopo le due gare in programma e la completezza realizzata. Risultati sul campo, per la terza volta assoluta: Patrizia Spampatti, Orezzo Valseriana, ripete il successo e si conferma vera dominatrice di questi campionati, terzo oro e terzo titolo italiano. Podio del gigante ripetuto, argento per: Elena Zatti, OS Noi ed il bronzo per: Doranna Melegari.

Titolo in tutte le specialità, che, in campo femminile, oltre che Patrizia, è stato conquistato da: Anna Fabretto Martinelli, Abele Marinelli; Alessandra Andreini, Ski Team Firenze e Doranna Melegari, s.c. 18 Cortina; mentre, tra i maschi, sono stati il C12: Alfonso Morselli, classe 1933 e l’A1: Giorgio Martino, classe 1985, 52 anni li dividono ma la passione per lo sci e l’agonismo li unisce, questo è il vero spirito “MASTER”. Gruppo C, qui si vedono gli specialisti e cambiano i nomi. Miglior tempo, medaglia d’oro ad: Enrico Rossi, s.c. San Domenico, netta la sua vittoria, conferma dei precedenti risultati.

Pista ripida, dura ed impegnativa, condizioni ideali per un altro grande: Curzio Castelli, Radici Group, che, davanti ad atleti di due categorie più giovani, da una vera dimostrazione di qualità e di forza, argento e diploma meritatissimi.

Il Bronzo a: Gian Luca Porta, Fiemme ski team, conferma la predilezione che il trentino ha per questa specialità che caratterialmente predilige. Conferma anche nel Gruppo B, dove: Luca Novi, Abeti Club, conquista un altro oro ed un altro titolo. Anche in questo gruppo abbiamo un “sorpasso” di atleti più giovani, l’hanno effettuato: Massimo Treccani, OS Noi, a cui va l’argento e, bronzo a: Mariano Galas, Sporting Livigno, dovuti e meritati complimenti ad entrambi.

Anche se nello slalom niente è scontato ci sarebbe stato da scommettere che l’assoluto di pista sarebbe stato realizzato da: Gian Mauro Piantoni, s.c. Orezzo Valseriana, questa specialità scatena tutto l’agonismo e le qualità tecniche di Mauro, veramente “bravo”.

Meritato argento FISI per: Ewald Pixner, Sport club Merano, che con questo risultato si conferma ai vertici nazionali. Bronzo al “giovane”: Giorgio Martino, Cristal Team, che dopo l’assoluto in gigante, con questo risultato conferma il suo valore. Dopo gli individuali l’ambito premio di Società, il prestigioso trofeo dedicato ad Italo Kühne, giornalista RAI e grande appassionato di sci. Consegnato dai figli: Diana e Fabrizio, il prezioso trofeo d’argento è andato allo: sci club Marzocco Firenze, secondo posto al veneto: sci club Marzotto e al terzo lo: sci club 18 di Cortina d’Ampezzo. È presto per dare l’appuntamento ai campionati del prossimo anno ma questi, appena terminati, saranno ricordati per la loro qualità ed a tutto lo staff dello sci club 3punto3, un ringraziamento per quanto fatto con la speranza di averli, organizzatori, in altre manifestazioni del nostro settore.

VEDI LA CRONACA DEL SUPERG
VEDI LA CRONACA DEL GIGANTE

Classifica slalom

Tags

About the author

Marco Di Marco

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment