Gare

Lahti: è Ustiugov il Re della Skiathlon

La skiathlon iridata mette in bella evidenza Giandomenico Salvadori che lotta fino alla fine per la medaglia di bronzo e chiude al decimo posto che va ben oltre le aspettative degli appassionati. Salvadori mantiene una condotta di gara d’attacco sin dall’inizio, quando si aggancia al treno dei migliori e lì rimane per tutti i 30 chilometri della gara. nel finale va addirittura all’attacco e all’ultimo giro è 15/o a 40 secondi dalla coppia di testa Ustiugov-Sundby. Poi i due colpi di scena che decidono la gara. In testa, Sundby parte all’attacco di Ustiugov ma incespica e rompe un bastone, così i giochi per l’oro sono fatti e il russo chiude al comando con il norvegese in argento. Poi parte Finn Haagen Krogh per il bronzo e sfilaccia il gruppo. Il norvegese va a prendersi la medaglia, mentre Salvadori cede qualcosina, ma chiude ottimamente al decimo posto. Bene anche Sebastiano Pellegrin 27/o, mentre è 45/o Sergio Rigoni.

Ordine d’arrivo skiathlon maschile Lahti:
1. Sergey Ustiugov RUS 1h09’16″7
2. Martin Sundby NOR +6″7
3. Finn Haagen Krogh NOR +31″8
4. Sjur Roethe NOR +33″1
5. Alex harvey CAN +33″3
6. Didrik Toenseth NOR +33″5
7. Marcus Hellner SWE +33″7
8. Andrey Larkov RUS +36″1
9. Lari Lehtonen FIN +37″2
10. Giandomenico Salvadori ITA +37″3

27. Sebastiano Pellegrin ITA +3’33″9
45. Sergio Rigoni ITA +5’46″9

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment