Gare

Marta Bassino, ecco la seconda manche da urlo

Per chi se l’è persa, ecco la seconda manche da urlo di Marta Bassino, nelle immagini di Eurosport. L’Azzurra al traguardo:

Oggi era una giornata difficile, ed era difficile fare una manche senza errori. Quello che ha fatto la differenza è stato l’atteggiamento. Io sono partita per attaccare e quello è stato l’atteggiamento vincente. Domani c’è un altro gigante, spero esca un po’ di sole e proverò a fare ancora due belle manche“.

Federica Brignone:Marta è stata bravissima, perché non si vede, ed è pieno di tagli della prima manche, ma lei ha superato tutto brillantemente. Quando prendi 1″60 nella prima manche, si cerca di fare il massimo perché nessuno è in pista per farti regali. Ho dato il possibile, ho fatto ancora errori ma è andata molto meglio della prima“.

Elena Curtoni:Dopo due anni senza gigante sono contenta, ho fatto poche giornate di allenamento, ma quelli che ho fatto sono andati molto bene. Tecnicamente sono a posto, è un buon segnale anche per la velocità“.

Sofia Goggia: “Sono una polla perché ho buttato via tutto nell’ultima parte, mentre ero andata bene nella prima. Ho commesso questo errore che mi ha penalizzato. Peccato, ma ci riprovo domani. Mi tengo le parti buone di oggi e parto da quelle per far meglio la gara di domani

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.