Gare

Max Blardone: obiettivo Soelden

Max Blardone si sta preparando con impegno al ritorno sulle piste per la nuova stagione di Coppa del Mondo,che partirà da Soelden (Austria) il prossimo 25 Ottobre, alla vigilia del suo trentaseiesimo compleanno. Per il Campione piemontese sono mesi di intenso allenamento, vissuti con la grinta e determinazione che da sempre lo contraddistinguono. Una stagione che segna per Max un traguardo particolare e significativo, quello della sedicesima presenza nella Nazionale di Sci Alpino. I suoi sono risultati davvero unici: 15 anni di carriera, iniziati con un’ indimenticabile medaglia d’oro in Slalom Speciale conquistata ai Mondiali Juniores di Pra Loup (Francia) nel 1999e proseguita collezionando successi in Slalom Gigante, la disciplina tra le più eleganti ed impegnative del circo bianco. 24 podi, 7 vittorie in Coppa del Mondo e 130 start dal cancelletto di partenza non sono solo numeri che sintetizzano una carriera eccezionale, rappresentano un bagaglio di esperienze uniche per un atleta tra i più longevi.

ardo_soelden2
Da qualche mese Max ha iniziato la preparazione specifica, che lo vedrà coinvolto e impegnato tutta l’estate. Grande appassionato e cultore della preparazione atletica, grazie all’esperienza tecnica e alla consapevolezza sviluppate negli anni, Max sperimenta e si fa precursore di tecniche di allenamento sempre nuove: questo gli consente di poter programmare carichi di lavoro mirati, approfondire training specifici ed esercizi innovativi, che spesso vengono scelti e promossi anche nella preparazione di altri atleti della sua disciplina. Le prime sessioni svolte nei mesi di Giugno e Luglio hanno riguardato la preparazione atletica in palestra e outdoor, con focus su nuovi esercizi “acrobatici” per migliorare coordinazione ed equilibrio. Il tutto semp re sostenuto da un altro elemento cardine per lo sciatore:la corretta alimentazione, tema che Max ha l’opportunità di approfondire in qualità di Ambassador EXPO Milano 2015 e che continuerà a veicolare in futuro. Iniziata in questi giorni anche la preparazione sulle piste da sci. Massimiliano è appena rientrato dal ritiro con la Nazionale Italiana a Zermatt, mentre proseguiranno nelle prossime settimane i test dei materiali insieme ad Elan e la preparazione intensiva in vista del primo appuntamento della Stagione a Soelden. Dichiara Max: “Amo quello che faccio, lo sci è la mia vita. A 35 anni sono pienamente soddisfatto degli allenamenti, dei test e dei risultati ottenuti finora, che hanno dimostrato ancora alti livelli fisici e valori prestazionali, i migliori di sempre”.

rdo_soelden3

Risultati confermati anche dal suo Staff e Preparatore Atletico, che afferma no: “Max si sta allenando con passione e in maniera rigorosa. Attento ai dettagli, serio e preciso, affronta con impegno le sessioni in palestra e outdoor –atletica, mountain bike, corsa, trekking –per lo sviluppo muscolare e di capacità come resistenza, equilibrio, coordinazione. Sicuramente un modello da seguire in quanto a determinazione nel perseguire i propri obiettivi, non solo sportivi”-

Prosegue ancora Max:“Sono confidente, mi sento pronto e carico per tornare sulle piste per la mia sedicesima Stagione, anche se dovesse essere l’ultima. Lo sci è parte integrante della mia carriera e ho già in mente grandi progetti per il futuro. Intanto, la preparazione a Zermatt e sulle piste mi consentirà di confrontarmi con i preparatori a livello fisico e di affinare le prestazioni dei materiali. Sono soddisfatto del lavoro svolto e delle sinergie sviluppate con Elan e gli altri Partner tecnici, i test effettuati finora mi hanno trasmesso una sensazione positiva. L’allenamento e la pratica sul campo saranno un ulteriore banco di prova per i materiali che mi accompagneranno nell’imminente stagione”.

Feedback importanti, quelli che Max potrà condividere con i suoi Partner dopo la prova in pista dei materiali. Da sempre, infatti, i team che lavorano con lo sciatore riconoscono in lui grande capacità tecnica e abilità nel tradurre le sensazioni trasmesse dai test sulla neve in indicazioni concrete,fondamentali per perfezionare il set -up e rendere gli strumenti più performanti. Un ulteriore elemento che caratterizza Max non solo come innovatore e precursore nelle tecniche di allenamento e preparazione atletica, ma anche come testatore autorevole degli strumenti che lo accompagnano nelle sue stagioni sulle piste da sci.
Fonte: ufficio stampa Engarda Giordani

 

 

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment