Franco Collè, atleta di punta del team Hoka al MEHT
Gare

MEHT arrivano i top atleti

Prime importanti conferme degli atleti TOP che gareggeranno al MEHT 2019 che si preannuncia già con un cast di assoluto livello.

La punta di diamante dell’HOKA ONE ONE Monterosa EST Himalayan Trail (MEHT) sarà senza dubbio il due volte vincitore del TOR, l’unico ad aver mai centrato questo obbiettivo, il valdostano Franco Collé del Team HOKA Italia che ha deciso di scoprire i magnifici sentieri del MEHT in preparazione delle gare autunnali.

Altro atleta maschile di assoluto valore, da quest’anno anche lui membro del Team HOKA Italia, è Alex Baldaccini vincitore della WMRA World Cup 2017 e di numerosi titoli di gare di corsa in montagna.

A questi due grandi nomi si aggiungono Giulio Ornati, vincitore del 2018, Stefano Ruzza, 4° classificato al MEHT 2018 ma soprattutto 7° posto all’UTMB 2018 che gli è valso il miglior risultato italiano dopo le vittorie di Marco Olmo (2006/2007) e infine Mattia Bertoncini, Ambassador ISOSTAD, bronzo ai Mondiali 2018 di Skyrunning U23.

In campo femminile difenderà il titolo 2018 Giulia Saggin che quest’anno dovrà vedersela con la quotata Scilla Tonetti, atleta capace di un secondo posto al TOR 2018.

Info e iscrizioni: www.meht.it

About the author

Andrea Ronchi

Andrea Ronchi

Andrea Ronchi è milanese di nascita e di cuore, rigorosamente a strisce rossonere. Ama lo sport in generale e da ragazzo si è cimentato in diverse discipline. Discreto tennista e giocatore di pallone, è rimasto folgorato dalle palline con le fossette in tarda età, o meglio, troppo tardi per ambire a farne una carriera ma sufficientemente presto per poter provare il brivido e la tensione dell’handicap a una cifra. La passione lo ha portato a fare del golf un lavoro e oggi, oltre a essere nel corpo di redazione della rivista Golf & Turismo, è prima firma di Quotidiano Sportivo e ospite fisso nella trasmissione televisiva Buca 9. Quando la neve copre i fairway prende gli sci, sua altra grande passione, e gira per le Alpi “costretto” dal suo ruolo di responsabile del turismo per la Rivista Sciare. È un duro lavoro, ma qualcuno le deve pur fare...