Gare

Memorial Fosson, gli altoatesini dominano il gigante Ragazzi. Rinviato il femminile

Memorial Fosson, gli altoatesini dominano il gigante Ragazzi. Rinviato il femminile
Il tempo si è messo di traverso oggi a Pila per la seconda giornata del Memorial Fosson così lo Sci Club Aosta non è riscito a completare la giornata di gare. Il programma è dunque privo del Gigante Ragazzi femminile che si cercherà di recuperare domani

Alex Silbernagl del Sieser Alm si aggiudica il gigante Ragazzi valido per l’Energiapura Series con una super manche dove ha preceduto il diretto rivale di sempre David Castlunger, ottimo secondo, staccato di 36/100. Sul terzo gradino del podio un altro altoatesino, Alexander Klotz del Ritten Sport staccato di +1″50, a sua volta 16/100 più veloce di Samuel Bal del Crammont, mentre Ludovico Rosachino del la Thuile è quinto a +1″70. Tutti dell’area occidentale gli altri ragazzi finiti nella top ten: sesto Andrea Gianotti (Ski Team Valsesia) +1″78, settimo Thomas Carrozza (Valtorunenche) +1″81, ottavo Giulio Paolo Cazzaniga (Valchisone) è 1″85, nono Maurizio Gabriele Badino (Sestriere) +2″22 e decimo Mattia Contino dell’Aosta +2″24.

David Castlunger ©Pierre Lucianaz

Gli allievi oggi erano impegnati in due slalom a manche unica. In gara uno, tra i maschi, vittoria, come ieri, di Papo Jacopo Claudani del val Palot che si è ritrovato sul podio assieme al compagno di squadra Michele Moretti staccato di 31/100. Ma tra i due si è infilato Pietro Antonio Fabio Trentin dello sci Club 18 Cortina, secondo a soli 15 centesimi. Ai piedi del podio Marc Castlunger (Ski team Alta Badia), fratello maggiore di David che ha mancato il premio per 5 centesimi.

Jacopo Claudani ©Pierre Lucianaz

Tra le Allieve bella rivincita di Giorgia Collomb su Tatum Bieler del Gressoney, trionfante ieri proprio davanti all’atleta del La Thuile. 46 i centesimi di vantaggio, mentre la figlia di Sonia Vierin ha preceduto in piazza d’onore Francine Rollet di un altro sci club valdostano, il Chamolé, terza a +0,57.

Francine Rollet ©Pierre Lucianaz

Più staccato, al quarto posto la sempre brava Giulia Romele che ha chiuso a +1″43.

Giorgia Collomb ©Pierre Lucianaz

In gara due Giorgia Collomb si è ripetuta per sottolineare la giornata di gloria. Questa volta però Tatum Bieler ha dovuto cedere la piazza d’onore ad Alice Pompei dello Sci Club Livata che ha mancato la vittoria per soli 12 centesimi, 11 in meno dell’atleta del Gressoney. Giulia Romele ha invece ribadito la quarta piazza sempre a un passo dalla vittoria: +0,32, quindi più veloce di Francine Rollet dello Chamloé.

Tatum Bieler ©Pierre Lucianaz

Tra i maschi è invece spuntato Federico Collini, orgoglio dello Sporting Campiglio a togliere la doppietta di Jacopo Claudani, secondo per 6 centesimi. Al terzo posto Patrick Comploj del Gardena, con un ritrdo di 34/100 ha anticipato Hervé Quinson del Val d’Ayas, quarto a +0,41, 11 centesimi meglio di Fernando Giacomo Rej del Sestriere.

Federico Collini ©Pierre Lucianaz

Dopo due giornate lo sci club Gardena resta al comando dello Ski Club Challenge, aumentando il vantaggio nei confronti del Sestriere. I campioni uscenti hanno 9849 punti, contro i 9199 dei piemontesi. Terzo posto per il Crammont, che acciuffa il podio provvisorio con 8214 punti. Quarto posto per il Gardena (team B) e quinto per il Val d’Ayas.

Domani la giornata conclusiva dell’undicesima edizione del Memorial Fosson, con un cambio di programma. Dopo l’annullamento di parte del gigante odierno, lo sci club Aosta farà gareggiare nuovamente in gigante i Ragazzi, con la sola prova femminile che varrà anche come ultima tappa dell’Energiapura Children Series; gli Allievi saranno in pista per uno slalom tradizionale, con due manche. Al termine le premiazioni, in campo gara, nel rispetto dei protocolli imposti dalla Fisi.

QUI LE CLASSIFICHE UFFICIALI

UMemorial Fosson gli altoatesini Memorial Fosson gli altoatesini

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.