Gare

Mondiali: alla Goerlg il primo oro

Ti aspetti Lindsey Vonn o Maria Riesch e invece spunta una formidabile Elisabeth Goergl che per 5 centesimi conquista la medaglia d’oro nel superG mondiale che ha aperto le competizioni iridate a Garmisch. L’americana Julia Mancuso potrebbe avere da dire contro il destino, ma tutto sommato quei 5 centesimi non le danno fastidio perché pensare a una argento non era così scontato alla vigilia. Mentre l’attenzione era tutta per le due sfidanti d’eccezione Vonn-Riesch, la Goergl contava molto sull’effetto sorpresa, ricordandosi di quella vittoria ottenuta in superg l’anno scorso proprio qui a Garmisch, così ha disegnato una discesa assolutamente perfetta. Tra le due litiganti, un tiepido sorriso ha illuminato il viso di maria Riesch che comunque è stata brava a conquistare il bronzo a soli 21 centesimi dall’oro e soprattucco con 23 centesimi di vantaggio sull’elvetica Lara Gut che conquista la medaglia di legno. 
Questa gara sarà ricordata a lungo anche da Elena Curtoni, fresca, fresca di medaglia d’oro vinta ia Mondiali Juniores di Crans Montana.

L’appena ventenne (compiuti il 3 febbraio) valtellinese ha concluso al sesto posto (dabvanti a Lindsey Vonn), ma quel che più conta è l’atteggiamento positivo che ha tenuto in gara. E’ partita non benissimo, ma dal primo intermedio in poi ha fatto segnare tra i migliori parziali, senza mai tentennare, e mostrando una grinta fuori dal comune. Davvero tanti applausi e che la sua discesa serva da esempio per tutti gli Azzurri pronti ad affrontare questi Mondiali. Brava anche Daniela Merighetti, nona a soli 1.09 dall’oro. Qualche piccolo tentennamento nella difficile parte centrale, per il resto la solita Dada, mai in difesa e concentrata fino al traguardo. Meno bene è andata a Johanna Schnarf che ha ceduto fisicamente dopo i primi 40 secondi di gara, termionando la sua corsa mondiale al 23esimo posto. Stava invece sbancando il cronometro Elena Fanchini che a metà gara era lì a lottare per una medaglia. Poi ha tardato il cambio nel falso piano che si immetteva nel muro centrale perdendo oltre un secondo. Alla fine ha terminato diciottesima.


About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment