Gare

Mondiali slittino: Fischnaller d’argento

Dominik Fischnaller ha rotto il giaccio! Non certo sotto i pattini del suo slittino con il quale ha regalato all’Italia la medaglia d’argento nella gara d’apertura dei mondiali di Igls, in Austria. Nella Sprint è infatti arrivato secondo staccato di 123 millesimi dall’austriaco Wolfgang Kindl che si è aggiudicato l’oro in 32″467 davanti al russo Roman Repilov per appena 12 millesimi. Il ventiquattrenne carabiniere altoatesino di Rio di Pusteria aveva addirittura realizzato il miglior tempo nelle qualificazioni, poi si è dovuto arrendere alla straordinaria performance del padrone di casa, ma permette all’Italia di salire sul podio per la prima volta in questo format di gara introdotto recentemente dalla Federazione Internazionale, consentendo al nostro medagliere di colmare un vuoto che durava dal 2012, quando Armin Zoeggeler fu bronzo a winterberg sulla distanza classica. Fischnaller del resto ha sempre dimostrato di andare forte sul catino austriaco, dove ottenne nel novembre 2015 la sua prima vittoria in Coppa del mondo. L’ottimo inizio della squadra diretta dall’ex campione olimpico è confermato dal settimo posto del giovane Theo Gruber e dal nono di Kevin Fischnaller.

Risultati sorprendenti sono arrivati nella sprint del singolo femminile che ha aperto il programma di gare, con le prime dieci classificate racchiuse in appena 46 centesimi. La medaglia d’oro è andata alla statunitense Erin Hamlin che ha impiegato 30″074 per battere di 9 millesimi la svizzera Martina Kocher, bronzo alla tedesca Tatjana Huefner a 10 millesimi. Quattordicesima posizione per Andrea Voetter a 163 millesimi, unica azzurra a superare le qualificazioni che avevano bocciato Sandra Robatscher.

Buona la prestazione nel doppio di Obewrstolz/Gruber, unici a qualificarsi dei nostri (non hanno passato il taglio Rieder/Rastner e Gruber/Kainzwaldner) e sesti in finale a 181 millesimi dai tedeschi Wendl/Arlt che si sono imposti in 29″843 davanti a Penz/Fiuschler e Eggert/Benecken.

Ordine d’arrivo sprint doppio maschile Mondiali Igls (Aut):
1. Wendl /Arlt (Ger) 29″843
2. Penz/Fischler (Aut) +0″106
3. Eggert/Benecken (Ger) +0″113
4. Steu/Koller (Aut) +0″170
5. Geueke/Gamm (Ger) +0″171
6. Oberstolz/Gruber (Ita) +0″181
7. Sics/Sics (Let) +0″215
8. Mortensen/Terdiman (Usa) +0″215
9. Denysev/Antonov (Rus) +0″286
10. Walker/Snith (Can) +0″294

Ordine d’arrivo sprint singolo femminile Igls (Aut):
1. Erin Hamlin (Usa) 30″074
2. Martina Kocher (Svi) +0″009
3. Tatjana Huefner (Ger) +0″010
4. Emily Sweeney (Usa) +0″015
5. Dajana Eitberger (Ger) +0″017
6. Tatyana Ivanova (Rus) +0″025
7. Kimberley McRae (Can) +0″035
8. Miriam Kastlunger (Aut) +0″042
9. Birgit Platzer (Aut) +0″043
10. Ulla Zirne (Let) +0″046

14. Andrea Voetter (Ita) +0″163

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment