Gare

Mosti e Degasperi sul trono italiano

Si sono concluse ieri pomeriggio le finali dei Campionati Italiani Assoluti di Discipline Classiche che hanno decretato i nomi degli atleti campioni italiani 2015 nelle specialità Slalom, Figure e Salto.
Lo slalom donne ha premiato la pluricampionessa europea e medagliata internazionale, Marina Mosti, campionessa e allenatrice che ha sottratto alla romana Beatrice Ianni, superandola di 1 boa e mezza, il titolo italiano: Marina totalizza 4,50 boe/55/11,25, a Beatrice resta la medaglia d’argento con 3/55/11,25, terza classificata Marialuisa Pajni 2/55/12,00, di San Donato M.se, che riconferma la posizione del 2014.
Lo slalom maschile è stato vinto dal trentino Thomas Degasperi, due volte campione del mondo (2007 e 2011) più volte campione europeo e italiano con 2 boe/58/10,25, seguito a brevissima distanza dal campione uscente Carlo Allais (di Rosta, TO) 1,50/58/10,25 che conquista il secondo posto su Davide Napolitano (Latina), 1,50/58/10,25, grazie al miglior punteggio di eliminatorie.

Le figure premiano Alice Bagnoli (Basiglio – MI) che conquista la vetta con 6090 punti, seconda la campionessa uscente, la giovanissima atleta romana non ancora quindicenne, Beatrice Pirri, 5520 punti, si riconferma terza Marialuisa Pajni con 5200 punti.

Le Figure maschili incoronano anche quest’anno Gianmarco Pajni (19 anni), talentuoso atleta di S. Donato M.se, Gianmarco vince la medaglia d’oro con il bel punteggio di 10120 punti, lo stesso che gli ha fatto vincere l’ argento in Figure ai Mondiali Under 21 di Sesena ESP il 5 luglio scorso. Secondo è Lorenzo D’Alberto 7850 punti (S. Donato M.se), riconferma la medaglia di bronzo del 1014 Edoardo Berio con 4740 punti (ma nelle eliminatorie 6090), di Omegna (VB).

Il Salto regala un’altra medaglia a Marialuisa Pajni, che sale sul gradino più alto del podio con la prestazione di mt. 42,6, conquistando così anche la medaglia di combinata. Il secondo miglior salto femminile è della romana Ginevra Buonopane, vicecampionessa anche nel 2014, che salta mt. 34,8, (15 anni) medaglia di bronzo Under 14 ai Campionati Europei giovani dello scorso anno, quest’anno il bronzo italiano assoluto in salto è di Alice Bagnoli (33,3), che conquista anche la medaglia d’argento nella classifica di combinata. La giovane Greta Tagliati di Roma (15 anni da compiere), sale sul podio aggiudicandosi la medaglia di bronzo in combinata femminile.

Il salto maschile rivede sul podio Lorenzo D’Alberto, questa volta sul gradino più alto, mt. 54,5 in finale (mt. 57,5 nelle eliminatorie), davanti al campione uscente Gianmarco Pajni (mt. 50,3) , terzo Edoardo Berio (mt. 49,3). La classifica Overall maschile rispecchia quella del Salto con Lorenzo D’Alberto al 1° posto, Gianmarco Pajni è argento e Edoardo Berio si aggiudica la medaglia di bronzo.

Ricky Casilli valuta con soddisfazione i risultati ottenuti a questi Campionati Assoluti da parte di tanti giovanissimi under 17 e under 14.
Le tre ragazze che sono andate a medaglia hanno mostrato di sentire la tensione della finale, è naturale: Beatrice Pirri, la vicecampionessa italiana in Figure è stata un pochino svantaggiata dal fatto di non avere ancora inserito i flip nel programma di gara , Ginevra Buonopane è andata molto bene in salto ed è una realtà che si sta sempre più affermando, Greta Tagliati è stata super nelle eliminatorie di Figure, 5230 punti, poi ha sentito tutta la responsabilità della Finale ed ha concluso quarta, con 4070, dietro a Marialuisa Pajni, terza con 5200”.

Le prossime competizioni internazionali titolate di discipline classiche che ci riserveranno grande spettacolo sono i Campionati di Europa e Africa Under 14 e Under 17, programmati a Roma dal 5 al 9 agosto e i Campionati di Europa e Africa Assoluti, che si terranno a Parigi dal 18 al 23 agosto.

Fonte: Federazione Sci Nautico – Chiara Casalini

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment