Gare

Nuova rivoluzione: Cortina recupera due superG maschili

Nuova rivoluzione: Cortina recupera due superG maschili.
L’Italia organizza a tempo di record due superG maschili di Coppa del mondo nel fine settimana del 28 e 29 gennaio a Cortina, sull’Olympia delle Tofane, che il prossimo week-end vedrà di scena la Coppa del mondo femminile.

Si tratta del recupero del superG non disputato in Val Gardena e di quello saltato a Lake Louise, a inizio stagione. Con l’inserimento a calendario del gigante notturno a Schladming, non ci sarebbe il tempo per effettuare le prove di una discesa e così la Fis ha optato per il recupero dei due superG.

La discesa cancellata a Garmisch non sarà recuperata. Ancora una volta l’organizzazione italiana riesce a mettersi al servizio della Coppa del mondo e dopo il recupero del gigante femminile di Spindleruv Mlyn a Kronplatz, inserisce un week-end aggiuntivo di velocità maschile nella Regina delle Dolomiti, garantendo così la continuità agonistica indispensabile prima del Campionato del mondo di Meribel-Courchevel.

«Da oltre trent’anni non ospitiamo una gara di Coppa del mondo maschile, cioè da quando, nelle due discese del febbraio del 1990, si imposero il nostro Kristian Ghedina, al primo successo nel massimo circuito, e l’austriaco Helmut Höflehner» sottolinea Stefano Longo, presidente di Fondazione Cortina.

«Per la nostra organizzazione, ma anche per il sistema Cortina tutto, si tratta di una grande soddisfazione che ci “risarcisce”, almeno un po’, della mancata disputa delle gare premondiali del 2020, annullate a causa dell’emergenza sanitaria legata al Covid. La macchina organizzativa, in questi giorni al lavoro per le gare della Coppa del mondo femminile della prossima settimana, si sta già attrezzando per prolungare lo sforzo lavorativo e proporre un evento al top anche in occasione dei due superG maschili. Siamo motivati e determinati».

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment