Gare

Omar Visintin e Michela Moioli subito a podio a nell’SBX di Secret Garden, in Cina

Omar Visintin e Michela Moioli subito a podio a nell’SBX di Secret Garden, in Cina.
Lo snowboard Azzurro debutta con due podio in Coppa del Mondo che ha esordito sulla pista olimpica di Secret Garden, in Cina

Prima gara e primo podio stagionale per Omar Visintin, sul circuito di Coppa del mondo di snowboardcross maschile a Secret Garden, in Cina. Il 32enne altoatesino, sulla pista che lo vedrà protagonista anche alle prossime Olimpiadi di Pechino, è arrivato alla big final, arrendendosi solamente all’austriaco Alessandro Hammerle in una finale molto combattuta, che ha visto l’azzurro scivolare fino alla quarta posizione all’ultimo intermedio, prima del recupero in vista del traguardo.

La terza posizione sul podio, è stata appannaggio dell’americano Nick Baumgartner. Per l’atleta del Centro Sportivo Esercito, è stato il diciassettesimo podio in carriera: un ottimo modo per cominciare la stagione.

Più indietro gli altri due italiani in gara: Tommaso Leoni è stato estromesso nei quarti di finale, classificandosi al 15esimo posto. Fuori agli ottavi il valdostano Lorenzo Sommariva, il quale non è andato oltre la 25sima posizione. Il prossimo appuntamento di coppa è fissato per domencia 12 dicembre a Montafon.

È partita bene la stagione anche di Michela Moioli, con un terzo posto nella tappa inaugurale di Coppa del mondo di snowboardcross femminile a Secret Garden. Sulla pista cinese che ospiterà a febbraio le prossime Olimpiadi, la 26enne di Alzano Lombardo è arrivata con falicità fino alla Big Final, nella quale ha conquistato il 34esimo podio della sua straordinaria carriera.

Una continuità di rendimento fantastica, che la vede sempre classificata nelle prime quattro posizioni nelle ultime quattordici gare a cui ha preso parte. Un bel modo per cominciare l’annata, Moioli ha dimsotrato che il tracciato sul quale dovrà difendere il titolo olimpico fra tre mesi, si addice comunque alle sue caratteristiche, nonostante sia diverso come costruzione rispetto a quello affrontato a PyoengChang quattro anni orsono.

La campionessa dell’Esercito si è arresa solamente alla ceca Eva Samkova – alla diciottesima vittoria in Coppa del mondo – e alla britannica Charlotte Bankes, in una tiratissima finale.

C’è posto anche per un’altra italiana in top 10: si tratta di Francesca Gallina, eliminata nei quarti di finale e classificata in nona posizione, mentre Sofia Belingheri si è piazzata sedicesima.

Ordine d’arrivo SBX FEMMINILE Cdm Secret Garden (Cin)
Ordine d’arrivo SBX maschile Secret Garden (Cin)

Le dichiarazione dei due azzurri che sono arrivati sul podio nella prova inaugurale di Coppa del mondo di snowboardcross sulla pista di Secret Garden, in Cina.

Michela Moioli: “Sono contenta del mio terzo posto perchè ci ho provato fino alla fine, soprattutto in finale, su questa pista noi “goofy” (gli atleti che utilizzano anteriormente la gamba destra sulla tavola, ndr) siamo un po’svantaggiati perchè l’aria non gira troppo a nostro favore e nemmeno la pista. Se osserviamo la finale, pochissimi atleti con le nostre caratteristiche sono arrivati davanti, comunque eravamo veloci, sapevo di dovere rimanere in scia per riuscire a sorpassare in vista del traguardo, perchè partire davanti significa al 90% farsi superare. La tattica è stata buona, il risultato discreto, è sempre bello cominciare la coppa del mondo con un podio, possiamo solamente migliorare”.

Omar Visintin: “Una gara andata bene, è stata molto interessante. Sono riuscito a ottenere un buon piazzamento, forse meno per le mie doti tecniche, ma piuttosto per le mie doti di valutazione della situazione, aspettare il momento giusto e piazzare l’atttacco. Il podio sulla pista olimpica fa sempre, il feedback dell’allenamento è stato buono, ma alla prima gara arrivi sempre con molti punti interrogativi, sono in forma e non vedo l’ora di proseguire su questa strada”. Visintin Moioli Secret Garden

Tags

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.