Gare

Rupholding: l’ultima di Lisa non va

La trasferta di Rupholding è stata decisamente la peggiore della stagione. Tante aspettative sono andate fuori bersaglio, tranne una, la sprint femminile dove Lisa Vittozzi è riuscita a ottenere una splendido secondo psto con Dorothea Wierer sesta. Ultimo appuntamento quello della Mass Start dove Lisa stava per raccogliere l’ennesima soddisfazione di stagione ma… Ha aspettato un po’, forse di più rispetto ai suoi standard e alla fine ha sparato: Lisa Vittozzi poteva ripartire in scia a Franziska Preuss e contenderle la vittoria della mass start di Ruhpolding insieme alla norvegese Ingrid Tandrevold, invece ha mancato il bersaglio proprio all’ultimo colpo dell’ultimo poligono. E la sua gara è andata.

Un vero peccato, perché era stata bravissima a riportarsi in alto dopo il primo errore a terra passando a 3 secondi dalla stessa Preuss al terzo giro e arrivando alla quarta serie sulla piazzola numero uno. Alla fine l’atleta azzurra più in forma, reduce da tre podi consecutivi in gare individuali, chiude undicesima a 32″, battuta in volata anche dalla svedese Brorsson e forse un po’ sfiduciata.

Più lontana Dorothea Wierer, assolutamente perfetta per strategia, precisione e tempi di rilascio fino a metà gara. Poi commette due errori fatali al terzo poligono che la fanno scivolare al quindicesimo posto e anche lei sbaglia l’ultimo colpo nella quarta serie e forse molla un po’ nel finale, perché si fa scavalcare da altre due atlete e si accontenta della 19esima piazza con un distacco di 1’13”.

Così, mentre Franziska Preuss regala alla Germania la prima vittoria stagionale nel biathlon trovando lo zero, battendo la Tandrevold in volata e facendo impazzire i tifosi tedeschi, Paulina Fialkova guadagna terreno sulle due azzurre nella classifica generale salendo sul terzo gradino del podio: ora è a quora 449, a -49 da Dorothea Wierer e a -31 da Lisa Vittozzi.

Una nota positiva arriva almeno dalla giornata storta di Anastasia Kuzmina che dopo il trionfo nella sprint, sbaglia quattro volte al tiro e finisce 14esima, comunque davanti alla Wierer, ma non abbastanza da avvicinarsi più di tanto in Coppa del mondo, dove è lontana ancora 84 punti dall’altoatesina. La prossima settimana prima e unica tappa italiana in calendario, ad Anterselva, dal 24 al 27 gennaio, con tre gare individuali in programma: la classifica potrebbe subire variazioni importanti.

In campo maschile è andata ancora peggio con Lukas Hofer colpito da un’improvvisa imprecisione. Con quattro errore al tiro non è andato oltre la 22esima posizione.
Abbiamo però la possibklità di rifarci perché il prossimo week end si spara ad Anterselva, casa nostra. Sarà uno show indimenticabile!

Ordine d’arrivo mass start femminile Cdm Ruhpolding (Ger)
1 PREUSS Franziska GER 0 32:34.0
2 TANDREVOLD Ingrid Landmark NOR 0 +0.2
3 FIALKOVA Paulina SVK 1 +15.1
4 OEBERG Hanna SWE 2 +18.8
5 HAECKI Lena SUI 1 +19.4
6 KRYUKO Iryna BLR 1 +20.0
7 PERSSON Linn SWE 0 +20.9
8 ROEISELAND Marte Olsbu NOR 2 +26.8
9 BESCOND Anais FRA 2 +27.4
10 BRORSSON Mona SWE 1 +32.0

11 VITTOZZI Lisa ITA 2 +32.2
19 WIERER Dorothea ITA 3 +1:13.6

About the author

Marco Di Marco

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment