Gare

Scudetto Giovani di slalom per l’altoatesina Celina Haller

Scudetto Giovani di slalom per l’altoatesina Celina Haller
Era tornata dai Mondiali Junior di Bansko col morale un po’ sotto gli scarponi, ma nell’ultima gara della stagione la ventenne delle Fiamme Gialle di Scena, Celina Haller si è’ decisamente tirata su. Sua la medaglia d’oro in slalom ai campionati Italiani Giovani disputati a Santa Caterina con l’organizzazione di Cancro Primo Aiuto Onlus.

Dopo aver chiuso la prima manche con tre decimi su Laura Steinmair, nella seconda gliene ha dati altri 1,7 chiudendo la pratica con 47 centesimi di vantaggio sulla coetanea dell’Amateursportclub Gsiesertal. Il bronzo poteva essere di Carole Agnelli, strepitosa ieri in gigante (bronzo) grazie a una super seconda manche, ma questa volta la valdostana del Club de Ski Valtournenche ha fatto il contrario.

Terza nella prima, 21esima nella seconda con il sesto tempo finale. Dunque? Facile, il bronzo va a Beatrice Sola che invece si affida al sua ben nota tenacia e col secondo tempo di manche recupera dalla quinta di metà gara. Dunque il talento del Falconeri Ski team è riuscita a superare la campionessa Mondiale Junior Sophie Mathiou, quarta a 25/100 dalla trentina.

Bellissima la gara di Gaia Blangero dell’Equipe Limone che realizza il best time nella manche conclusiva finendo alle spalle della valdostana recuperando così 8 posizioni, davanti all’Agnelli. Nella top ten figurano anche Emma Wieser settima, Alice Calaba ottava, Andrea Craievich nona e Nina Bachmann decima.

Per la classifica finale del GPI Giovani nasce invece un piccolo giallo. Bisognerà attendere ancora qualche ora per rifare alcuni calcoli per capire se aggiungere i punti della combinata oppure no. In teoria, considerando anche la Ca la vincitrice sarebbe Laura Steinmair davanti a Beatrice Sola. A più tardi per l’ufficialità.

LA CLASSIFICA

About the author

Marco Di Marco

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.