Gare

SG Badia: Eisath, il sogno di una vita!

Non è bastato a Florian Eisath realizzare il secondo miglior tempo di manche per vincere e  nemmeno per occupare la piazza d’onore, ma il primo podio della sua carriera se lo è meritato alla grande. La magia della Gran Risa ha colpito ancora. Davvero bisogna gioire per chi da una vita corre per raggiungere questo obiettivo che era riuscito solo a sfiorare fino ad ora. Splendido sia accaduto sulle nevi di casa. Festeggia anche hirscher_primaMarcel Hirscher che riesce finalmente a vincere quest’anno anche in gigante. Suo il best time nella prima così come nella seconda. Una vittoria ineccepibile, ottenuta con 71/100 di vantaggio sul francese Mathieu Faivre. E’ alla sua quarta vittoria sulla Gran Risa, come Alberto Tomba. Che c’è da aggiungere per un campione del genere? Anche il secondo posto di Faivre non fa una grinza: Florian è terzo a 1″10. Così come anche questo terzo

Mathieu Faivre
Mathieu Faivre

posto non è mai stato in pericolo: il quarto posto è del giovane sloveno Kranjec, staccato di 8 decimi.
Luca De Aliprandini, settimo alle spalle di Feller e Neureuther (era 14esimo) ha forse disegnato la miglior manche della sua carriera. Sopratuttto per impeto, decisione e

intelligenza. Non è sul podio dealpirandini_prima

perché nella prima manche ha commesso troppi errori, ma la sua seconda è stato davvero geniale ,con quella intraversata sul muro questa volta azzeccata nel tempismo e precisione. E’ proprio una bella notizia questa perché Luca può essere considerato ormai tra i top player della specialità. La sua azione è molto grintosa e dinamica e scorre sul filo del massimo rischio.
dealpirandini2
Nella gara dove tutto andrà bene non potrà che salire sul podio. E’ senza dubbio la più bella notizia al maschile di quest’anno.Il suo tempo è stato migliore rispetto a quello dello sloveno Zan Kranjec, giovane davvero interessante che può vantare di essere entrato nei primi 5 nel gigante numero uno al mondo.

pintiurault_caduta
Alexis Pinturault
doveva compiere un miracolo e nelle prime 6 porte il progetto stava dando ottimi frutti. Poi ha voluto prendersi rischi troppo elevati anche per un campione come lui e andando in inclinazione troppo presto è andato dritto per la tangente, finendo con la testa contro la base delle balaustre laterali, opportunamente  protette

Da segnalare l’ottima manche del francese  Steve Missilier che a pista liscia (è partito per quarto) non ha sciato senza errori (specie sui dossi in fondo alla pista) ma è forse quello che ha sbagliato di meno  su una pista che ti taglia in due i muscoli delle gambe. La sua prima parte è stata insuperabile, un po’ come quella del compagno di squadra Muffat-Jeandet che però subito dopo ne ha combinate di tutti i colori finendo nelle retrovie. Il primo a passare Missilier è stato l’elvetico Justin Murisier quattordicesimo dopo la prima manche.

Molto meglio in questa seconda manche Manfred Moelgg , diciasettesimo, che è partito un po’ in sordina ma il muro lo ha fatto bene. Poi, a metà dello schuss finale ha sbagliato linea dopo il primo salto per concludere poi con una buona lena grazie alla sua grande esperienza. Non ha realizzato una super manche ma anche lui ha contenuto i danni recuperando qualche posizione rispetto alla sua prima manche decisamente sottotono. Tra gli atleti superati anche Roberto Nani diciottesimo, che aveva sciato meglio nella prima, tornando a farci vedere purtroppo l’atteggiamento assunto nelle gare precedenti.
In classifica generale Hirscher aumenta il vantaggio su Jansrud: ora ha 540 punti contro i 322 del norvegese, mentre Alexis Pinturault è rimasto a 284 punti quasi raggiunto da Ktistoffersen, quarto con 256 punti. Marcel è balzato anche in testa alla classifica di specialità con 340 punti, contro i 260 di Alexis, mentre Faivre è terzo con 238. De Aliprandini risale fino al sesto posto (110 pts) due posizioni più indietro Eisath (95 pts).

Ranking

RANK BIB NAME NAT RUN 1 Rk1 RUN 2 Rk2 Pr TOTAL DIFF
1 5 HIRSCHER Marcel

AUT

1:16.81 1 1:16.08 1 2:32.89
2 3 FAIVRE Mathieu

FRA

+0.21 2 +0.50 6 2:33.60 +0.71
3 8 EISATH Florian

ITA

+0.81 3 +0.29 2 2:33.99 +1.10
4 21 KRANJEC Zan

SLO

+1.44 9 +0.46 5 5 2:34.79 +1.90
5 10 FELLER Manuel

AUT

+1.18 8 +0.73 7 3 2:34.80 +1.91
6 4 NEUREUTHER Felix

GER

+1.07 5 +1.06 8 1 2:35.02 +2.13
7 19 DE ALIPRANDINI Luca

ITA

+1.70 14 +0.45 4 7 2:35.04 +2.15
8 6 KRISTOFFERSEN Henrik

NOR

+0.93 4 +1.32 10 4 2:35.14 +2.25
9 15 LUITZ Stefan

GER

+1.11 6 +1.82 19 3 2:35.82 +2.93
10 9 MURISIER Justin

SUI

+1.70 14 +1.35 13 4 2:35.94 +3.05
11 11 MYHRER Andre

SWE

+1.56 10 +1.52 16 1 2:35.97 +3.08
12 27 MISSILLIER Steve

FRA

+2.80 27 +0.33 3 15 2:36.02 +3.13
13 30 FORD Tommy

USA

+1.60 11 +1.80 18 2 2:36.29 +3.40
14 29 NOESIG Christoph

AUT

+2.21 19 +1.23 9 5 2:36.33 +3.44
15 20 LEITINGER Roland

AUT

+1.61 12 +1.88 21 3 2:36.38 +3.49
16 24 ZUBCIC Filip

CRO

+2.19 18 +1.36 14 2 2:36.44 +3.55
17 22 MOELGG Manfred

ITA

+2.37 21 +1.32 10 4 2:36.58 +3.69
18 18 NANI Roberto

ITA

+1.79 16 +2.15 22 2 2:36.83 +3.94
19 13 HAUGEN Leif Kristian

NOR

+1.79 16 +2.17 23 3 2:36.85 +3.96
20 50 COCHRAN-SIEGLE Ryan

USA

+2.33 20 +1.82 19 2:37.04 +4.15
21 1 MUFFAT-JEANDET Victor

FRA

+2.88 28 +1.33 12 7 2:37.10 +4.21
22 25 OLSSON Matts

SWE

+2.75 26 +1.50 15 4 2:37.14 +4.25
23 46 ODERMATT Marco

SUI

+2.56 24 +1.79 17 1 2:37.24 +4.35
24 23 CAVIEZEL Gino

SUI

+2.55 23 +2.21 24 1 2:37.65 +4.76
25 44 NETELAND Bjoernar

NOR

+2.59 25 +2.87 25 2:38.35 +5.46
26 48 PLEISCH Manuel

SUI

+2.97 29 +3.87 26 3 2:39.73 +6.84
27 34 SARRAZIN Cyprien

FRA

+1.66 13 +5.29 27 14 2:39.84 +6.95
32 MEILLARD Loic

SUI

+2.52 22 DNS
7 PINTURAULT Alexis

FRA

+1.12 7 DNF
41 ZAMPA Andreas

SVK

+2.97 29 DSQ

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment