Gare

SG Lenzerheide: Huetter la prima vittoria!

Sale in cattedra l’Austria di Cornelia Huetter. E’ tutta la stagione che Cornelia ci prova e finalmente è arrivta la sua prima vittoria in carriera. Meritata, senza ombra di dubbio. Un piccolo ma temporaneo regalino a Lindsey Vonn che riesce amantenere ancora per soli 19  punti la leadership nella Coppa di specialità, a danno di Lara Gut, oggi quinta e leggermente stanca. Cornelia è partita subito fortissima e messo al sicuro la vittoria nella prima parte facendo registrare una velocità superiore ai 100 km/h., poi ha mantenuto il vantaggio di due decimi sull’elvetica Fabienne Suter che nel finale le ha rosicchiato un solo decimo che si è rivelato il ritardo conclusivo. Così, dopo due secondi posti e cinque terzi posti ta discese e superG, può finalmente godere del primo posto. L’atleta di casa ha sorriso a metà, perché ci teneva a prevalere sulle nevi dove è cresciuta, ma oggi Cornelia ha avuto un piccola marcia in più, quella della forza di volontà. Al terzo posto ancora Austria con Tamara Tippler che ha decidamente confermato di essere tra le migliori interpreti della specialità. Ha compiuto diversi numeri di alta acrobazia ma è stata geniale quasi a sfruttare gli errori per ottenere un tempo da non credere. E’ stata più brava di Tina Weirather per 7 centesimi, tanto è bastato per salire sul podio così come è accaduto nei superG di Lake Louise (2^) e di Soldeu (3^). Al sesto posto, la migliore azzurra: Jahanna Schnarf che è riuscita a esprimere un’otima velocità nella parte alta, si è difesa nella parte centrale, forse la più complessa, per liberare linee più dritte nella pare conclusiva, anche se propro nel finale ha lasciato 3/4 decimi alle avversarie. Una prova quasi perfetta dal punto di vista tecnico e convincente per il morale. Peccato davvero che la stagione sia ormai finita.
All’ottavo posto, alle spalle della slovena Stuhec, una bravissima Sofia Goggia che a metà percorso ha perudot un bastoncino dopo un colpo rimediato in una porta. Acnhe lei fa parte dell’italia che cresce gara dopo gara. Ci manca il colpaccio finale, ma a livello di squadra siamo i più forti. 5 azzurre nelle prime 13 è tanta roba!
E’ sempre bella da vedere la sciata di Francesca Marsaglia, decima, perché è un’attaccante nata. Cosa dire, nessun errore particolare, linee buone ma un ritardo accumulato soprattutto nelle 4 curve a serpente nella parte centrale. La differenza è tutta qui. L’unica cosa che manca a Franci è l’acuto, il colpo definitivo. Arriverà.
E’ stata brava Elena Curtoni, dodicesima, che ha corso con un risentimento muscolare e che nella parte finale del percorso disegnato da Alberto Ghezze, ha dato il meglio di sè. Di più, in queste condizioni non poteva fare, ed è un peccato perchè Elena sembra cresciuta molto a livello tattico.
Per Federica Brignone, tredicesima, alle spalle di Elena,  ci vuole ancora un pizzico di esperienza in più. Per domare il superG ci vuole tecnica, sì, ma anche tanta malizia, quella che ti fa capire quando è il momento di mollare lo spigolo per mettere lo sci piatto.
Nadia Fanchini ha sciato bene, niente da dire, ma la troppa precisione non sempre è figlia del miglior risultato. Stare sulle lamine fno all’ultimo pezzettino di curva non permette di esprimere la massima velocità, ma lei non è riuscita a svincolarsi da questo atteggiamento che ha pagato soltanto nell’ltimo tratto.
Più indiero le altre con Verena Stuffer a +2″01, Dada Merighetti a +2″25 ed Elena Fanchini a +2″28
Per la classifica generale ormai i giochi sono fati con la Coppa saldamente nelle mani di Lara Gut anche perché oggi Viktoria Rebensburg non ha imbroccato le linee: solo diciottesima ed ora a 228 punti da Lara. brignone perde una posizione, ora è setima superata proprio da Cornelia Huetter

Ranking

RANK BIB NAME NAT TIME DIFF
1 22 HUETTER Cornelia

AUT

1:14.52
2 24 SUTER Fabienne

SUI

1:14.62 +0.10
3 17 TIPPLER Tamara

AUT

1:14.87 +0.35
4 20 WEIRATHER Tina

LIE

1:14.94 +0.42
5 21 GUT Lara

SUI

1:15.10 +0.58
6 10 SCHNARF Johanna

ITA

1:15.19 +0.67
7 8 STUHEC Ilka

SLO

1:15.30 +0.78
8 26 GOGGIA Sofia

ITA

1:15.50 +0.98
9 13 GOERGL Elisabeth

AUT

1:15.57 +1.05
10 14 MARSAGLIA Francesca

ITA

1:15.63 +1.11
11 15 VENIER Stephanie

AUT

1:15.67 +1.15
12 9 CURTONI Elena

ITA

1:15.68 +1.16
13 18 BRIGNONE Federica

ITA

1:15.80 +1.28
14 40 FEIERABEND Denise

SUI

1:15.99 +1.47
14 5 MIRADOLI Romane

FRA

1:15.99 +1.47
16 23 WORLEY Tessa

FRA

1:16.00 +1.48
17 11 FANCHINI Nadia

ITA

1:16.01 +1.49
18 19 REBENSBURG Viktoria

GER

1:16.05 +1.53
19 35 SCHNEEBERGER Rosina

AUT

1:16.11 +1.59
20 25 MOWINCKEL Ragnhild

NOR

1:16.14 +1.62
21 7 YURKIW Larisa

CAN

1:16.34 +1.82
22 12 KLING Kajsa

SWE

1:16.38 +1.86
23 16 ROSS Laurenne

USA

1:16.40 +1.88
24 32 HOLDENER Wendy

SUI

1:16.46 +1.94
25 36 FRASSE SOMBET Coralie

FRA

1:16.47 +1.95
26 27 STUFFER Verena

ITA

1:16.53 +2.01
27 33 KIRCHGASSER Michaela

AUT

1:16.62 +2.10
28 34 HAEHLEN Joana

SUI

1:16.65 +2.13
29 3 PUCHNER Mirjam

AUT

1:16.66 +2.14
30 28 SUTER Corinne

SUI

1:16.69 +2.17
31 4 COOK Stacey

USA

1:16.75 +2.23
32 29 MERIGHETTI Daniela

ITA

1:16.77 +2.25
33 2 PIOT Jennifer

FRA

1:16.79 +2.27
34 6 FANCHINI Elena

ITA

1:16.80 +2.28
34 1 BAILET Margot

FRA

1:16.80 +2.28
36 45 SCHEYER Christine

AUT

1:16.84 +2.32
37 39 GAUCHE Laura

FRA

1:16.92 +2.40
38 37 KOPP Rahel

SUI

1:17.12 +2.60
39 44 MAIER Sabrina

AUT

1:17.20 +2.68
40 41 FERK Marusa

SLO

1:17.31 +2.79
41 47 BARTHET Anne-Sophie

FRA

1:17.44 +2.92
42 46 LEDECKA Ester

CZE

1:17.59 +3.07
43 42 GISIN Michelle

SUI

1:17.67 +3.15
44 43 LARROUY Noemie

FRA

1:17.80 +3.28
45 30 SIEBENHOFER Ramona

AUT

1:17.95 +3.43
46 38 BESSY Anouk

FRA

1:17.98 +3.46
49 COLETTI Alexandra

MON

Next
48 BRODNIK Vanja

SLO

DNF
31 GAGNON Marie-Michele

CAN

DNF

 

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment