Gare

Si corre ancora, a Madesimo Bertoldini e Forget vincono lo Slalom Fis Cittadini

Si corre ancora, a Madesimo Bertoldini e Forget vincono lo Slalom Fis Cittadini
Con una temperatura di due gradi sotto zero e un terreno duro, da pieno inverno, Andrea Bertoldini dello Sci Club Lecco e la canadese Arianne Forget si sono imposti nel secondo slalom Fis Cittadini.

Il vice campione italiano Aspiranti, dietro solo a Edoardo Saracco, si è imposto davanti al 19enne delle Fiamme Gialle Davide Leonardo Seppi staccato di 83/100, mentre il terzo gradino del podio è di Nicolò Toja (nella foto qui sotto) coetaneo, uno dei Giovani più forti dello sci club Lancia, staccato di 1″62.

In pratica si sono ribaltate le posizioni rispetto allo slalom di ieri, con Seppi davanti a Bertoldini, mentre terzo era finito l’australiano Connor Leggett,

Oggi, in quarta posizione Marco Luigi Surimi, Ubi Banca Goggi, già quarto nel primo slalom dell’Abetone di settimana scorsa vinto da Tommaso Saccardi, che ha chiuso con un gap di 2″12, 16 centesimi meglio di Martin Nardelli della Polisportiva Alpe Cimbra.

In campo femminile netta la vittoria della 17enne canadese Arianne Forget (nella foto qui sotto) che si era già imposta anche ieri. Un’atleta davvero interessante, capace questa stagione tra Fis cittadini, Fis Junior e University race a imporsi in 4 slalom e 3 giganti, più un secondo posto in superG.

Nello slalom odierno, stessa sorte anche per la piazza d’onore dove si è ripetuta Alessia Guerrinoni dei Carabinieri, staccata di mezzo secondo.

Se ieri Matilde Lorenzi del Sestriere era riuscita a mettere gli scarponi sul terzo gradino del podio, oggi ha dovuto lasciare questo onore a Camilla Mazzoleni del Prad Raiffeisen Werbering che ha chiuso a +1″14, 56 centesimi meglio di Matilde.

Brava anche Martina Bianchi del Golden Team Ceccarelli, quinta a +1″71. Si corre ancora a

La classifica femminile

La classifica maschile

About the author

Marco Di Marco

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.