Gare

SL Killington: Zuzulova, prova a prenderla!

La slovacca Veronika Velez Zuzulova è riuscita incredibilmente a contenere il distacco da Mikaela Shiffrin nella prima manche dello slalom di Killingotn. 65 i centesimi da recuperare, quindi un ritardo non impossibile se l’americana deciderà di affrontare la seconda come a Levi, quindi, senza aprire tutto il gas. Le speranze di mantenere aperte le sorti della gara dipendono anche dal fatto che nel primo e nels econdo intermedio Shiffrin perdeva dalla slovacca prima 9 poi 19/100. La differenza si è definita nel tratto conclusivo, dove, sul falsopiano, non er aper nulla facile mantenere ritmo e velocità. Zuzulova a parte Mikaela non dovrebbe correre troppi percioli: al terzo posto c’è l’elvetica  Wendy Holdener a +94/100, ma anche lei a metà gara davanti a Mikaela, mentre Nina Loeseth con + 1″25 ha preceduto al quarto posto Petra Vhlova, quinta davanti a Frida Hansdotter, comunque lontana a 1″57. L’unica atleta del secondo gruppo a riuscire ad entrar enelle dieci è stata la tedesca Lena Dürr, che con il pettorale 18 si è infilata al settimo posto, appena davanti alla deludente Strachova.

Chiara Costazza, dodicesima, è sembrata più informa rispetto a Levi, dove era uscita nella prima manche. Aveva accumulato un ritardo di soli 9 decimi a metà gara, poi, quando c’era da cambiare ritmo, si è un po’ imballata, concludendo con un gap di 2″57. Appena alle sue spalle Irene Curtoni: la valtellinese ha concluso con un ritardo di 2″74 con una partenza ottima ma un ritmo poco efficace sul muretto centrale e sul piano conclusivo. L’uscita di scena di Manuela Moelgg dimostra che la situazione tra i rapid gates continua a prendere una piega poco efficace. meglio degli ultimi slalom, ma è ancora molto poco. Diciamo che non siamo per nulla competitivi per il podio. Federica Bringone è partita bene ma poi si è perduta, senza riuscire a spingere nel tratto conclusivo, col risultato di tagliare il traguardo con un ritardo di quasi 4 secondi. Può comunque ritenersi soddisfatta per essersi qualificata per la seconda manche che affronterà con un numero di partenza decisamente interessante, perché a pista liscia. Soltanto Mougel, Gallhuber e Ferk la precederanno. Non sarà invece al via Marta Bassino, ieri ottima quarta in gigante alle spalle di Sofia Goggia,  che, partita per ultima,  non ha concluso la sua gara

CLASSIFICA FINALE 1a manche

Ranking

RANK BIB NAME NAT TIME DIFF
1 1 SHIFFRIN Mikaela

USA

43.30
2 7 VELEZ ZUZULOVA Veronika

SVK

43.95 +0.65
3 3 HOLDENER Wendy

SUI

44.24 +0.94
4 4 LOESETH Nina

NOR

44.55 +1.25
5 6 VLHOVA Petra

SVK

44.84 +1.54
6 5 HANSDOTTER Frida

SWE

44.87 +1.57
7 18 DUERR Lena

GER

45.04 +1.74
8 2 STRACHOVA Sarka

CZE

45.08 +1.78
9 12 SCHILD Bernadette

AUT

45.20 +1.90
10 10 GAGNON Marie-Michele

CAN

45.44 +2.14
10 8 KIRCHGASSER Michaela

AUT

45.44 +2.14
12 23 COSTAZZA Chiara

ITA

45.82 +2.52
13 16 CURTONI Irene

ITA

46.04 +2.74
14 26 SKJOELD Maren

NOR

46.17 +2.87
14 15 PIETILAE-HOLMNER Maria

SWE

46.17 +2.87
16 13 STIEGLER Resi

USA

46.18 +2.88
17 11 GISIN Michelle

SUI

46.20 +2.90
18 14 MIELZYNSKI Erin

CAN

46.24 +2.94
19 21 GEIGER Christina

GER

46.30 +3.00
20 40 BAUD MUGNIER Adeline

FRA

46.31 +3.01
21 20 WIKSTROEM Emelie

SWE

46.33 +3.03
22 9 BARTHET Anne-Sophie

FRA

46.44 +3.14
23 19 TRUPPE Katharina

AUT

46.52 +3.22
24 27 BUCIK Ana

SLO

46.69 +3.39
25 41 MEILLARD Melanie

SUI

46.81 +3.51
26 24 GRUENWALD Julia

AUT

47.01 +3.71
27 31 BRIGNONE Federica

ITA

47.10 +3.80
28 28 FERK Marusa

SLO

47.13 +3.83
29 30 GALLHUBER Katharina

AUT

47.42 +4.12
30 46 MOUGEL Laurie

FRA

47.55 +4.25
31 49 GRENIER Valerie

CAN

47.66 +4.36
31 25 FEIERABEND Denise

SUI

47.66 +4.36
33 34 HASEGAWA Emi

JPN

47.87 +4.57
34 51 POPOVIC Leona

CRO

47.95 +4.65
35 39 SCHMOTZ Marlene

GER

48.11 +4.81
36 32 WILLIBALD Elisabeth

GER

48.15 +4.85
37 35 ALOPINA Ksenia

RUS

48.20 +4.90
38 37 LAPANJA Lila

USA

48.68 +5.38
39 45 HUBER Katharina

AUT

48.71 +5.41
40 53 JELINKOVA Adriana

NED

48.81 +5.51
41 48 KOPP Rahel

SUI

48.88 +5.58
42 38 ST-GERMAIN Laurence

CAN

48.95 +5.65
43 44 WALLNER Marina

GER

49.28 +5.98
44 33 TKACHENKO Ekaterina

RUS

49.43 +6.13
45 52 MCJAMES Megan

USA

49.55 +6.25
42 HAASER Ricarda

AUT

DNS
57 MANGAN Patricia

USA

DNF
56 BASSINO Marta

ITA

DNF
55 SCHNEEBERGER Rosina

AUT

DNF
54 O BRIEN Nina

USA

DNF
50 KAPPAURER Elisabeth

AUT

DNF
47 DUBOVSKA Martina

CZE

DNF
43 BRUNNER Stephanie

AUT

DNF
36 TILLEY Alexandra

GBR

DNF
29 WIESLER Maren

GER

DNF
22 MOELGG Manuela

ITA

DNF
17 SWENN-LARSSON Anna

SWE

DNF

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment