Gare

SL Val d’Isère: è andata male!

Meraviglia delle meraviglie. Cosa si può dire ancora per descrivere Marcel Hirscher? L’austriaco porta a casa l’ennesima vittoria con una manche stratosferica. Per la verità non ci ricordiamo un suo slalom condotto in silinzio, ma il fatto è che è davvero dura non esaltarsi a vederlo sciare tra i rapid gates. Ancora una volta possiamo dire: immenso, insuperabile, unico! Il suo è il secondo miglior tempo di manche, 3 decimi superiore a quello di Schwarz, ma tra i due ci sono ben 20 discese. Nemmeno un giovanotto come Henrik Kristoffersen (leader della claasifica generale), geniale sempre in slalom, è riuscito a tanto. Tra i due, mezzo secondo solo in questa manche. Nemmeno un vecchio volpone come Andre Myhrer ha saputo imitarlo ed è finito alle spalle anche di Kristoffersen. Di fatto rimane un podio di eccellenza.

Stefano Gross, miglior tempo dopo la prima manche, ci ha provato facendosi un baffo della pressione messa da Hirscher, ma ha resistito fino a metà pista, poi anche lui, come Matt, Hargin e Foss-Solevaag se n’è andato giù, raggiungendo la sesta posizione. E’ andata male, ma rimane comunque la soddisfazione e la consapevolezza di poter essere competitivi e di far parte di quella schiera di furetti, sempre pronti a provarci nel caso Hirscher e Kristoffersen dovessero incappare in una giornata no. Con gli altri se la può giocare sempre.
Cristian Deville
, partite per quarto nella seconda manche, ha portato al traguardo gli sci. Non ha voluto spingere al massimo come invece aveva fatto nella prima, probabilmente attratto dall’idea di prendere punti. Poi ha sofferto anche la tracciatura dove era davvero dura prendere un bel ritmo. Ha sfruttato invece molto bene l’occasione di partire tra i primi, l’austriaco Marco Schwarz, 28 a metà gara, ma autore di una manche superlativa (miglior tempo) che gli ha pemesso di scalare tante posizione (da 28esimo a nono), grazie anche a una seconda parte tirata dritta come pochi. Sceso per terzo è rimasto nel leader corner

Marco Schwarz nel leader corner

fino alla discesa del norvegese Jonathan Norbotten (anche lui super manche).     Bravo! Non si è tirato indietro nemmeo il francese Loic Meillard che chiede ancora un po’ di tempo per diventare grande. E’ stato l’unico elvetico a portare un po’ di gloria in casa rossocrociata: male sia Aerni che Yule con Schmidiger che uscendo oggi dopo un’inforcata, portato in ospedale per la sospetta rottura del crociato.

 

Ranking

RANK BIB NAME NAT RUN 1 Rk1 RUN 2 Rk2 Pr TOTAL DIFF
1 5 HIRSCHER Marcel

AUT

+0.55 8 +0.30 2 7 1:41.94
2 7 KRISTOFFERSEN Henrik

NOR

+0.41 5 +0.83 5 3 1:42.33 +0.39
3 13 MYHRER Andre

SWE

+0.21 3 +1.04 8 1:42.34 +0.40
4 2 MATT Michael

AUT

+0.19 2 +1.21 9 2 1:42.49 +0.55
5 20 NORDBOTTEN Jonathan

NOR

+0.79 13 +0.75 4 8 1:42.63 +0.69
6 4 GROSS Stefano

ITA

49.00 1 +1.61 20 5 1:42.70 +0.76
7 3 DOPFER Fritz

GER

+0.53 7 +1.27 10 1:42.89 +0.95
8 11 HARGIN Mattias

SWE

+0.38 4 +1.53 15 4 1:43.00 +1.06
9 17 FOSS-SOLEVAAG Sebastian

NOR

+0.42 6 +1.59 18 3 1:43.10 +1.16
9 16 SCHWARZ Marco

AUT

+2.01 28 52.09 1 19 1:43.10 +1.16
11 27 HIRSCHBUEHL Christian

AUT

+1.08 17 +0.95 7 6 1:43.12 +1.18
12 8 LIZEROUX Julien

FRA

+0.63 10 +1.41 12 2 1:43.13 +1.19
13 18 GRANGE Jean-Baptiste

FRA

+0.68 11 +1.51 14 2 1:43.28 +1.34
14 35 MEILLARD Loic

SUI

+1.54 25 +0.87 6 11 1:43.50 +1.56
15 21 NESTVOLD-HAUGEN Leif Kristian

NOR

+1.07 16 +1.56 17 1 1:43.72 +1.78
16 47 HADALIN Stefan

SLO

+2.07 30 +0.70 3 14 1:43.86 +1.92
17 33 TRIKHICHEV Pavel

RUS

+1.42 20 +1.38 11 3 1:43.89 +1.95
18 45 STEHLE Dominik

GER

+1.45 21 +1.42 13 3 1:43.96 +2.02
19 14 RYDING Dave

GBR

+1.01 15 +2.03 22 4 1:44.13 +2.19
20 51 NOEL Clement

FRA

+1.51 24 +1.59 18 4 1:44.19 +2.25
21 26 DIGRUBER Marc

AUT

+1.47 22 +1.83 21 1 1:44.39 +2.45
22 6 KHOROSHILOV Alexander

RUS

+1.27 19 +2.19 23 3 1:44.55 +2.61
23 49 DEVILLE Cristian

ITA

+1.96 27 +1.53 15 4 1:44.58 +2.64
24 22 MUFFAT-JEANDET Victor

FRA

+0.98 14 +2.74 24 10 1:44.81 +2.87
25 55 SCHMID Philipp

GER

+1.47 22 +2.92 25 3 1:45.48 +3.54
26 32 KETTERER David

GER

+2.03 29 +4.21 26 3 1:47.33 +5.39
29 CHODOUNSKY David

USA

+1.14 18 DNF
28 READ Erik

CAN

+1.66 26 DNF
15 AERNI Luca

SUI

+0.72 12 DNF
9 PINTURAULT Alexis

FRA

+0.62 9 DNF

About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment