Gare

Slalom Donne: Schild, come sempre, ma…

Marlies Schild ha davvero una marcia in più, ma questa volta non è riuscita a prendersi un vantaggio importante dalle altre ed anche nella seconda dovrà tirare alla morte, cosa che non sempre le riesce perfettamente. La finlandese Tanja Poutiainen è lì a 21 centesimi dall’austriaca e la medaglia d’oro sembra un affare tra le due specialiste. Poi, per il bronzo si aprono tante ipotesi: Kathrin Zettel a 18 centesimi di vantaggio sulla svedese Piatilae-Holmner seguita a 1 centesimo dalla tedesca Maria Riesh. Poi col pettorale numero 22 l’austriaca Michaela Kirchgasser ha sbalordito tutte con il sesto tempo, ottenuto su una pista, che come sempre, si era già rovinata tantissimo. E’ riusciita a stare davanti alla compagna di squadra Nicole Hosp. Poi Tina Maze e quindi Manuela Moelgg a 1"67 dalla Schild e a 1"07 dalla Zettel, unico obiettivo ancora a portata di mano, ovvero la medaglia di bronzo. Per le altre azzurre nom c’è più nulla da sperare. Irene Curtoni è 16 esima a 2"56 dalla vetta. C’è da dire che l’atleta valtellinese è stata l’unica con un pettorale alto (34) a inserirsi tra in classifica a ridosso delle 15. Nicole Gius ha preso invece 3" 28. L’ultima Azzurra a scendere è stata Federica Brignone che si è guadagnata il posto con l’argento vinto in gigante due giorni fa. Partita col 42 si è arresa davanti a una doppia sul ripido: classica inforcata.
Seconda manche alle 13.30



About the author

Marco Di Marco

Nasce a Milano tre anni addietro il primo numero di Sciare (1 dicembre 1966). A sette anni il padre Massimo (fondatore di Sciare) lo porta a vedere i Campionati Italiani di sci alpino. C’era tutta la Valanga Azzurra. Torna a casa e decide che non c’è niente di più bello dello sci. A 14 anni fa il fattorino per la redazione, a 16 si occupa di una rubrica dedicata agli adesivi, a 19 entra in redazione, a 21 fa lo slalom tra l’attrezzatura e la Coppa del Mondo. Nel 1987 inventa la Guida Tecnica all’Acquisto, nel 1988 la rivista OnBoard di snowboard. Nel 1997 crea il sito www.sciaremag.it, nel 1998 assieme a Giulio Rossi dà vita alla Fis Carving Cup. Dopo 8 Mondiali e 5 Olimpiadi, nel 2001 diventa Direttore della Rivista, ruolo che riveste anche oggi.

Add Comment

Click here to post a comment